Ogni attore giudica ma non è se stesso

di Davide Nebuloni

Nell'articolo di ieri ho trattato velocemente del concetto del 'male' nella proiezione ancestrale del cosiddetto 'Diavolo'. Un archetipo, questo, che incarna tutte le paure umane, esteriorizzate e rese palesi alla luce di un Mondo considerato dai più molto simile ad un Inferno, nonché l'anticamera religiosa di un ben altro e più 'pungente' tipo di Inferno: quello che attende dopo la dipartita dell'Anima dal corpo fisico.

Lorenzo Maitani -  Giudizio finale particolare

Che dire? Secoli o addirittura millenni di oscurantismo globale hanno intaccato il nucleo della nostra essenza incarnata, riuscendo nell'impresa di staccare la consapevolezza del 'chi si è', in funzione dei moti allucinanti del vivere in una modalità continua di sopravvivenza.

Nella rete della paura, il male si è scolpito una gran parte attiva in noi e fuori di noi.

Il suo riflesso esterno a noi è proiettato dallo specchio della Coscienza, intimidita sempre di più dalle strane storie che 'qualcuno' ad arte ha da sempre sparso ai quattro venti. Tutto converge verso un punto di stress, un punto di maggiore debolezza dell'infrastruttura dell'universo umano. Tutto evidenzia ciò che non si vuole evidenziare, ma che chiaramente il processo legato alla psiche conduce a sé, come un magnete polarizzato ad attrarre per via naturale.

Sia il pensiero che il Karma costringono a prendere evidenza della nostra situazione sulla Terra, mentre a nulla valgono i tentativi dell'Ego di allontanare il momento della 'resa dei conti', il momento in cui dovremo affrontare noi stessi e le nostre paure. Le illusioni di una Vita agiata e benestante o di gran lavoro o di un egoico altruismo, alla fine condurranno comunque sino a noi ogni 'detrito' che ci portiamo dietro come una Cometa la sua scia.

Non si scappa da questo meccanismo, perché è previsto dal Piano Divino. Perché è un meccanismo di 'pulizia' energetica e spirituale. Perché è l'evoluzione a cui siamo chiamati. Il 'male' è ignoranza, è non conoscenza, è il vivere un giorno da leoni e gli altri da pecore, è incoerenza, è una vibrazione stonata, un'onda alfine opportuna per... crescere.

Domanda 9
Puoi spiegare il concetto di male? Esiste davvero?

Risposta 9
La preoccupazione primaria nell'universo non è il male, ma l'ignoranza. Quando i membri di una specie sono nell'ignoranza della loro identità come coscienza individualizzata, sono più facilmente manipolati e sedotti dalle illusioni temporanee del MEST (Materia, Energia, Spazio, Tempo). Il MEST è nell'universo la visione più esteriore del multiverso, e quelli che identificano in esso la loro vera casa stanno vivendo nell'ignoranza.

E' da questa mancanza di conoscenza che il concetto di male si è propagato in una serie di qualità, energie e motivazioni. Il male, al suo livello più distillato, è semplicemente una conoscenza parziale e, da questa parziale conoscenza, il veicolo dell'anima di qualsiasi specie è capace di comportamenti che possono essere definiti come male. Il male, per quanto riguarda una personalità come la Sorgente Primaria, non esiste. Non è un sistema codificato di energia o intelligenza. E' un'espressione comportamentale di ignoranza e nulla più.

A questo riguardo, il Lyricus si preoccupa del male ma non teme il suo potere o impatto, perché il male non è coordinato o coerente, a differenza di coloro che sono allineati con la Sorgente Primaria. Inoltre, il male è in conflitto con se stesso più di quanto sia in conflitto con la Sorgente Primaria e con le espressioni a lei allineate.

Nella maggior parte dei casi, il Lyricus considera le espressioni del male o uno dei suoi membri con compassione, accrescendo la propria risoluzione di dare assistenza a una specie verso il Gran Portale.

Nella terminologia del Lyricus, il male è la resistenza al sentiero della consapevolezza – chiamato Gran Portale. La resistenza alla scoperta e alla diffusione del Gran Portale è il prodotto principale di entità non informate che desiderano mantenere l'inganno del loro potere personale, temendo che l'illuminazione della specie li spodesterà. Il male manca del sistema di radicamento alimentato dalle profondità della coscienza individualizzata ed è quindi facilmente sradicato una volta che la coscienza individualizzata diviene l'identità della specie umana.

Estratto da: Lyricus - FAQ 1, Relazione del Lyricus con la specie Umana

http://www.stazioneceleste.it/wingmakers/pdf/Lyricus

Davvero intensa questa citazione:
Quando i membri di una specie sono nell'ignoranza della loro identità come coscienza individualizzata, sono più facilmente manipolati e sedotti dalle illusioni temporanee del MEST (Materia, Energia, Spazio, Tempo). Il MEST è nell'universo la visione più esteriore del multiverso, e quelli che identificano in esso la loro vera casa stanno vivendo nell'ignoranza. 

Inoltre, il male è in conflitto con se stesso più di quanto sia in conflitto con la Sorgente Primaria e con le espressioni a lei allineate.

Nella terminologia del Lyricus, il male è la resistenza al sentiero della consapevolezza – chiamato Gran Portale. La resistenza alla scoperta e alla diffusione del Gran Portale è il prodotto principale di entità non informate che desiderano mantenere l'inganno del loro potere personale, temendo che l'illuminazione della specie li spodesterà.

Si parla di:

- ignoranza che facilita la manipolazione
- la manipolazione di questo scenario 3D, ossia l'Antisistema
- Antisistema che evidenzia il conflitto con se stessi
- il conflitto con se stessi è una resistenza alla consapevolezza
- le paure di chi ha il potere si identificano nella paura di perdere quel potere

Dunque James dei Wingmakers ci sta narrando dell'Antisistema, ma per altre vie. Ciò che il genere umano proietta al di fuori di sé è proprio ignoranza che viene incoraggiata dallo scenario 3D, progettato appositamente per evidenziare al massimo livello il grado di oscurità che caratterizza il cammino dell'incompletezza verso la completezza.

È naturale oltre che logico.

L'Antisistema serve proprio a questo. Ben intesi, l'Antisistema è un 'padre' ma anche un padrone. È come lanciare un programma con un preciso scopo ed un ampio raggio di movimento o libertà. Esso può spingersi a livelli radicali. Esso si nutre di ciò che evidenzia. Ne ha necessità. È pertanto un 'gioco' molto serio, doloroso di un dolore teorico molto grave.

Il tempo a lui concesso è il tempo a noi concesso nell'economia dei cicli celesti dell'evoluzione lanciati dal Creatore, il quale tesse ed elabora i dati degli Human Bit ai fini del bilanciamento dell'equazione energetica strutturale di base. Il Creatore dipende da noi...

Dal punto di vista metafisico e soprattutto per certa tradizione filosofica antica (in particolare per S. Agostino, ma tenendo presenti anche i filosofi della Grecia antica come Platone e Aristotele), il male, essendo l'esatta antitesi del Bene e quindi dell'essere, si configura come una privazione di essere o, che dir si voglia, con il non-essere stesso. Il Male, non avendo di per sé consistenza autonoma, essendo privazione del Bene ed esistendo quindi solamente in virtù dell'essere e come suo esatto contrario, è un accidente della realtà.

Il male secondo Platone.
Nel X libro della Repubblica, Platone, sullo sfondo delle cui opere spesso appare trattato il problema del male, costretto ad utilizzare in generale i miti e in particolare quello di Er per spiegare il concetto trascendente di una vita ultraterrena, ammette la possibilità di una vita terrena dove il giusto riceve premi ed onori dagli dei e dagli uomini, ma aggiunge anche che gli uomini ingiusti, anche se in un primo momento sembrano aver successo, da vecchi sono "maltrattati nella loro miseria da stranieri e cittadini, vengono flagellati... saranno poi torturati e bruciati"; Platone sostiene anche che le fortune e le sofferenze che si ricevono sulla terra sono nulla rispetto a quelle che ci attendono dopo la morte.

Il mito di Er.
Attraverso il mito di Er, che narra la storia di un soldato morto in battaglia che, dopo dodici giorni, ritorna in vita e racconta cosa aveva visto nel regno dei morti, Platone sostiene che l'anima riceva già in questa vita sia il premio della sua giustizia, sia la pena della sua colpa.

Per Platone, però, a differenza di quanto credevano gli ebrei vetero-testamentari, un'anima giusta è colpita da castigo non perché ha ereditato una colpa dai propri padri, ma perché ha commesso una colpa in una sua preesistenza passata.
Da Wikipedia

La lungimiranza degli antichi è 'abissale'. In contrapposizione al concetto che si è costruita la scienza occidentale, riferito alla inferiorità di coloro che vissero nei tempi trascorsi rispetto al punto di riferimento presente. Tale paradosso e cecità è certamente temporaneo, in quanto il pieno sviluppo del processo del pensiero e dell'Io umano, condurranno presto o tardi al pieno risveglio dell'essenza intrappolata nella rete concettuale di un modello di psiche acerbo, imberbe, ancora troppo vicino al suo punto di nascita.

Platone utilizza dei termini che i traduttori hanno 'fissato' per esso, per cui la sua valenza si occidentalizza un po' troppo. È come studiare gli antichi con il metro di giudizio e valutazione moderni: tutto appare come infantile, puerile, al limite della compassione e dello scherno.

Se davvero Platone scriveva degli Dei è ovvio che si poteva riferire esclusivamente agli Dei provenienti dalle stelle. Questo è un altro paradosso a cui l'uomo medio moderno va incontro puntualmente: crede in un Dio unico, il suo, e quando legge delle altre divinità attuali le rifiuta, mentre quando legge degli Dei dell'antichità si apre alle considerazioni più disparate, miscelando possibilità anche remote. Come è possibile questa cosa? È come se il 'credente, sfugga da un presente diverso da quello che gli hanno imposto, rifugiandosi nel passato non riconosciuto, nel quale può manifestare silenziosamente tutta la propria 'sete di curiosità'. Solo i bigotti o gli integralisti non lo fanno. La grande platea è infatti interessata da sempre ai misteri che ci ruotano attorno come satelliti atratti dalla nostra presenza.

Lo so che è concetto astruso che probabilmente non sono riuscito per bene ad esprimere: non è facile nel poco tempo che ho a disposizione per il Blog durante la giornata. Tuttavia lo sforzo richiesto al cortese lettore è proprio quello di intingersi nelle riflessioni, seppure abbozzate, e continuare privatamente il cammino solo sussurrato e prosposto. Questo esercizio è di grande utilità al fine di aprire le porte della propria disponibilità dell'essenza all'essenza.

La sete di curiosità umana è fumo che sfugge dalle chiuse dell'Antisistema, è il percepire che qualcosa di diverso dall'usuale esiste appena oltre il passo mosso con coraggio e determinazione oltre il giudizio della comunità e della consuetudine.

È il voler giudicare che ci sconfigge.
Apocalypse Now

"(Basandosi sui tipi di giudizio possibili, secondo Aristotele) lo studioso del Novecento Karl Popper ha elaborato il principio di falsificazione, secondo il quale se due proposizioni sono opposte tra loro ed una di esse risulta vera, l'altra sarà sicuramente falsa".
Da Wikipedia

A questo conduce la 'filosofia' dell'uomo? Ad emettere sentenze logiche che servono ai programmatori di computer per incidere la loro funzionalità? Da parte mia, posso umilmente fare notare che il principio di falsificazione proposto da Karl Popper è quantisticamente irrilevante in quanto esprime un punto di vista molto limitato della consapevolezza estesa.

Ciò che è inerente allo scenario 3D è interamente ribaltabile ai fini della presa di coscienza. Questo ribaltamento dei piani della percezione esplica proprio il concetto di specchio e riflesso, interamente ricondotto ad un unico punto d'osservazione per il quale non esiste né giudizio né, dunque, verità o falsità, ma solo opportunità evolutive.

Il giudizio umano anche nella sua estrema logicità crea separazione e lontananza dal proprio nucleo dell'essenza e motivazione spirituale.

Fonte: SacroProfanoSacro

http://sacroprofanosacro.blogspot.it/2011/03/ogni-attore-giudica-ma-non-e-se-stesso.html

 

Vota:
Il Cuore umano (ed animale) genera il piu’ ampio C...
Necessità e Sua Mancanza

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi