Equilibristi di noi stessi

Non c'è nulla da cui essere salvati.

Quest'oggi vorrei citare un intero capitolo dell'illuminante opera 'Nient'altro che se stessi' dell'amico Carlo Dorofatti (da cui proviene anche la prima espressione di questo articolo).

Trovo queste 5 pagine talmente dense e intense da poter essere validamente portate a titolo di esempio del 'come sia il giro del fumo' a proposito del 'luogo dove ci troviamo'.

rebirthing pensiero-equilibrio

Trovo sensato, a volte, senza che diventi una forma di 'comodità', citare anche ampie parti del lavoro altrui, sempre nell'ottica della divulgazione di contenuti che si 'percepiscano' ad un livello vibrazionale tale da poter 'aiutare' coloro che sincronicamente ne hanno necessità, per primo 'me stesso'. A tal proposito, ecco una serie di costrutti altamente significativi:

Mentre leggete queste parole, soltanto pochi individui della vostra specie sono capaci di concepire se stessi come un'unica coscienza, un unico essere, che si esprime simultaneamente attraverso una moltitudine di forme apparentemente separate... Tra trent'anni ci sarà un numero sufficiente di oloidi funzionanti in modo perfetto che saranno in grado di partecipare coscientemente al ciclo finale di questo livello della Creazione.

Seguirà a queste 'trasmissioni' un periodo di anni durante il quale coloro che si saranno risvegliati al nuovo modo di essere, si radicheranno nella nuova coscienza unificata, e costruiranno con il potere collettivo che fluirà attraverso di loro, un campo bio-gravitazionale di intensità sufficiente ad attirare all'interno di sé, tramite un processo di espansione ritmica, il resto della vostra razza.

Questo sarà l'inizio del secondo periodo che avete davanti, il Periodo del Risveglio Planetario... (Da 'Trasmissioni stellari' - Città mobili di luce - di Ken Karey)

Sapete di che anno è questa 'Trasmissione'? Il copyright è del 1982, ma il materiale è stato ricevuto tra la fine del 1978 e l'inizio del 1979. Se aggiungiamo trent'anni arriviamo a capire che gli anni a cui si fa riferimento sono quelli attorno al 2010, ossia i nostri...

Quello che stiamo vivendo è 'il Periodo del Risveglio Planetario' e durerà per molto tempo. Questo è il significato delle 'profezie' sul 2012: una 'fine' ed un nuovo inizio. La fine di un ciclo ed il relativo nuovo inizio, una nuova pagina scritta nel calendario del tempo, dove per tempo mi riferisco a quello 'naturale' che influenza persino quello artificiale in cui siamo inseriti.

Citando il libro di Carlo Dorofatti potremo osservare come ciò che è stato 'profetizzato' in 'Trasmissioni stellari' abbia maturato la sua quintessenza nella mente illuminata di quest'uomo; la sua sintesi e lungimiranza vanno oltre alla normale prospettiva di cui mediamente si è ancora dotati.

L'evoluzione della specie umana è talmente evidente, anche solo prendendo trent'anni di tempo, che sarebbe da stolti negare un'evidenza, che ormai non può più sfuggire persino all'operato sensoriale di quella parte di noi in lenta rianimazione. Rimanendo ben strutturati nella nostra centralità, leggiamo le pagine che seguono, avendo una buona intonazione energetica di rigraziamento verso se stessi, l'autore e la sicronicità che ha portato ai 'risonanti' queste profonde nozioni relative all'impasto in cui siamo inseriti e di cui siamo fatti. Buona lettura.

La visione olistica.
Permettetemi di scolpire una sorta di 'tavola', corrispondente ad una sintesi che ritengo in questo momento piuttosto valida.

1) La realtà percepita non è tutta la realtà, ma una dimensione spazio-temporale limitata dell'ologramma universale, determinata dai nostri sensi e dalla nostra mente.

2) Il 'principio' umano e la sua storia cosmica sono molto più estesi della concezione comunemente maturata.

3) Dio è l'assoluta estensione dei concetti di realtà e di esistenza.

4) Ogni oggetto, concetto, valore, ente, significato e percezione non è altro che una proiezione della nostra coscienza, tuttavia essi pre-esistono in potenza, divengono reali ed agiscono.

5) La Volontà (intesa come energia scatenata dalla nostra autentica natura creativa interiore) è il moto della nostra coscienza e, quindi, di ogni realtà possibile. Pertanto è l'essere umano che determina e stabilisce i confini della realtà, della sua comprensione, e del suo potere.

6) L'Universo è un progetto evolutivo.

La percezione della realtà.
Quindi vi offro la mia contemplazione verso l'infinito universo e gli innumerevoli mondi.
Giordano Bruno, sull'infinito universo e gli infiniti mondi.

Per indagare il concetto di 'realtà', dobbiamo partire dal presupposto che quanto i nostri sensi fisici percepiscono non sia altro che uno dei possibili aspetti della realtà, ovvero una manifestazione determinata dalle nostre possibilità percettive ed elaborative. Si tratta di una mediazione tra una realtà oggettiva e i nostri sensi. Possiamo definire la realtà consensuale che ne risulta come 'il piano di esistenza'.

Il piano di esistenza è il risultato consensuale (di specie), convenzionale e quindi illusorio, dell'incontro tra ciò che è e quanto può essere distinto e percepito attraverso l'esercizio dei sensi: la nostra realtà è una convenzione. Tra la realtà dei sensi e 'ciò che è Reale' esistono livelli intermedi di realtà i quali rappresentano i 'piloni del ponte' verso l'Assoluto.

All'inizio di questo ipotetico ponte troviamo la nostra personale opinione della realtà, la realtà soggettiva di ognuno, mediata dall'interpretazione personale degli eventi e dei significati.

Il livello successivo è rappresentato dalla realtà consensuale determinata dalla pecezione e dalle capacità di elaborazione proprie dell'attuale specie umana (mente di razza) terrestre. È quanto precedentemente abbiamo definito con il termine 'piano di esistenza', ovvero la realtà mediata e tradotta dai nostri sensi.

A questo punto, per procedere oltre, dobbiamo supporre che la stessa realtà 'fisica' sia qualcosa di più esteso rispetto alla porzione a noi sensibile. Pertanto indagare i confini della nostra realtà significa piuttosto esplorare i confini della nostra percezione e, immaginando di poter sviluppare una sensibilità diversa o più estesa, modificheremmo sostanzialmente la 'realtà', in quanto verrebbe cambiato o esteso il piano di esistenza di riferimento.

In estrema sintesi la metafisica sostiene che il nostro Universo sia un campo di leggi attraverso il quale l'Essere trova una possibile espressione. Esistono tanti Universi, ognuno dei quali rappresenterebbe una manifestazione sempre originale ed irripetibile dell'Assoluto. Un qualsiasi Universo è un espressione del Reale, mediato da 'leggi'.

Anche secondo il mito gnostico esistono forme elevatissime di Coscienza le quali si espandono ed evolvono attraverso innumerevoli Universi, intesi come differenti possiblità di esperienza dell'Essere. Il nostro Universo è 'l'Universo delle Forme' ed è proprio l'Uomo, inteso come essenza spirituale, quella Divinità Primeva che, attraverso le Forme ed il loro significato complessivo, deve far propria l'esperienza della molteplicità e del divenire per reintegrarsi in una più evoluta espressione della Coscienza.

Caratteristiche fondamentali dell'Universo delle Forme sono la molteplicità, la diversità e la dinamicità.

È un Universo che, a sua volta, si articola in mondi differenti (definiti mondi paralleli), ognuno dei quali si basa su parametri di densità, dimensioni e direzione temporale specifici, 'vibrando', per così dire, su frequenze distinte.

I diversi mondi coesistono e si compenetrano, ma sono distribuiti su differenti 'stati percettivi' e, pertanto, sono separati e distinti l'uno dall'altro, pur costituendo, nel loro insieme, il medesimo Universo, condividendone le leggi fondamentali e la direzione evolutiva.

Noi viviamo in uno di questi mondi e, all'interno, dei suoi parametri specifici, determiniamo il nostro piano di esistenza.

Ogni mondo (dimensione) si struttura su particolari rapporti di leggi, in quanto le leggi universali trovano una precisa ed esclusiva combinazione, funzionale alla manifestazione di quella data espressione possibile della forma, su ogni mondo possibile nei limiti dei confini dell'ologramma universale genericamente considerato.

La psicologia o le scienze umanistiche indagano i processi del quasi-reale, così come la fisica e pure la chimica e la biologia spiegano i meccanismi, convenzionali quanto vincolanti, dello spazio/tempo e delle forme materiali sul nostro piano di esistenza (forze nucleari, elettromagnetismo, gravità).

Dietro questa 'facciata', dunque, opera la più estesa natura del nostro mondo, uno dei tanti mondi paralleli possibili, cioè, come abbiamo detto, la struttura di matrici di realtà a loro volta riconducibili alle leggi fondamentali costitutive dell'Universo nel suo insieme.

La metafisica si occupa, in particolare, di questo più profondo livello della realtà, indagandone la cosmologia e l'etica al di là dell'illusione sensoriale e materiale e, di conseguenza, le estensioni spirituali. Al di là dell'Universo e dei suoi mondi siamo condotti all'Essere: la completezza della Coscienza, ove opera la Magia.

I 'piloni del ponte' e gli stati di coscienza ad esso riferibili sarebbero quindi progressivamente costituiti da:

1) Percezione Soggettiva: realtà individuale. Opinione di Realtà.

2) Percezione Consensuale: piano di esistenza. La Materia. Il Corpo Fisico.

3) La Nostra Dimensione: uno dei mondi possibili fondato su matrici esistenziali fondamentali. Il nostro Corpo Multidimensionale.

4) L'Universo delle Forme: l'insieme dei mondi e delle dimensioni possibili, fondato su leggi e archetipi primordiali. Il nostro Corpo Temporale.

5) Il Multiverso: l'insieme degli Universi possibili. Il nostro Corpo di Luce.

6) L'Essere: il Reale, non mediato da opinioni, da sensi, da matrici, da leggi o da archetipi. Ciò che È. La Coscienza. Il Corpo Causale. La percezione di Dio.

In pratica è dal primo scalino, la percezione soggettiva, che si parte per scalare la percezione del Reale, attraverso lo sviluppo della consapevolezza dei diversi livelli di realtà descritti, fino all'Assoluto.

L'essere umano, infinitesima particola di materia nell'immensità del possibile, operando su se stesso e agendo sulla realtà, può e deve, in virtù della sua costituzione spirituale, riappropriarsi di una essenziale funzione: essere lui stesso il 'ponte' tra la materia e l'Assoluto, tra le forme, le dimensioni e il loro significato ultimo; imparare a 'rivestire d'anima' tutti gli eventi, tutte le manifestazioni interiori ed esteriori che accadono, per comprendere il linguaggio del divino nell'umano e giungere a quella Grande Opera che riconduce le parti al Tutto, il momento all'Eternità, il divenire all'Essere.

Il pensiero e la gabbia della mente.
La mente non è noi: tutti i nostri pensieri vengono da una Mente ben più vasta della nostra, universale. (Sri Aurobindo)

Il pensiero non è qualcosa che produciamo, ma una 'sostanza' nella quale siamo immersi. È il nostro habitat naturale, nel quale agiamo e creiamo effetti e rispondenze. Noi infatti 'elaboriamo' pensiero, non lo produciamo: il pensiero non è parte di noi, non ci appartiene. Siamo abituati ad indentificarci nei nostri pensieri, ma la verità è che noi siamo solo il canale attraverso il quale scorrono.

L'essere umano partecipa ad un ecosistema multidimensionale di energia-pensiero. L'uomo riceve pensiero elaborato da specie 'inferiori' (meno complesse) ed elabora pensiero-cibo per specie 'superiori' (più complesse), all'interno di una vera e propria 'catena alimentare'.

È interessante considerare che noi, nella nostra attuale condizione, non solo non produciamo pensiero, ma non siamo neppure fruitori del pensiero che elaboriamo, o meglio, non lo siamo in tempo reale. Quando crediamo di pensare, ci stiamo semplicemente ricordando di aver elaborato 'qualcosa' che la mente ha adattato a sé, rielaborando i nostri pre-giudizi.

Praticamente viviamo in una 'differita' della realtà, riveduta e corretta dalla mente.

Se viviamo in un'illusione della mente, come possiamo 'essere'?

Se non pensiamo, come possiamo 'agire'?

Noi non siamo mai nel 'qui e ora', ma sempre nel passato o nell'idea del futuro, comunque elaborata secondo il nostro schema di abitudini e di preconcetti.

Noi viviamo nel 'ricordo'.

Usare davvero il pensiero significa essere capaci di una consapevolezza e di un potere che abbiamo disimparato ad applicare. E ricordiamoci che l'elaborazione del pensiero non avviene nel cervello. Il cervello è solo un coordinatore della mente: l'elaborazione del pensiero è un atto che riguarda tutto il nostro corpo ed in particolare alcuni organi come l'intestino e il cuore.

Ma questo 'pensiero', che canalizziamo ed elaboriamo, che ci permette di elaborare la realtà e di partecipare ad un ecosistema di intelligenze, è proprio quello che ci serve per evolverci? Intendo dire, non solo per progredire e per svilupparci come specie senzienti, ma per evolverci come Coscienza?

La vera coscienza, la vera consapevolezza, è libera dai vincoli della mente. È libera dai processi mentali, emancipata dal pensiero che costringe la nostra percezione entro i limiti dei sensi, delle tre dimensioni e del tempo. Quando siamo consapevoli siamo semplicemente 'qui', e quindi dappertutto, 'ed ora', e quindi nell'eterno. Non esiste altro luogo e soprattutto non esiste altro tempo, non esistono i vincoli del passato, le limitazioni del ricordo e della memoria che ci costringono entro schemi e processi vecchi, abitudinari e pre-programmati, da noi stessi o da altri.

E non esiste la tensione del futuro che mai ci permette di essere ciò che siamo.

Il flusso di pensiero cessa finalmente. Da quel momento, in quel momento, siamo noi ad essere, a produrre il Pensiero.

Solo se riusciamo ad emanciparci dal ricordo possiamo essere nel presente. Ma non basta: solo se riusciamo a uscire dal flusso del pensiero possiamo eludere i programmi che ci allontanano dalla realtà di noi stessi e delle cose. Non si tratta solo di smettere di vivere nel ricordo e quindi di usare finalmente il pensiero in tempo reale, ma di uscire dal flusso del pensiero elaborato, di cominciare a 'Creare' il pensiero, essere il pensiero, anzi, superare l'idea stessa di pensiero.

Questo è possibile solo se ne siamo fuori: allora la mente, che genera l'illusione dei sensi e del tempo, si ferma e nasce la percezione del Vero, la consapevolezza del Reale.

I flussi di pensiero, che permettono lo sviluppo delle specie viventi, sono il trampolino ma anche la gabbia dell'evoluzione superiore, il confine che le forme-ponte devono trascendere. Sui flussi di pensiero viaggiano i limiti del pre-concetto e sono essi stessi il supporto dei programmi di controllo mentale architettati da noi stessi così come da forze sfruttatrici e predatorie.

La meditazione è non-mente, non-tempo.

Fermare la mente significa fermare il tempo (concetto caro ad Osho ma anche tipico del Buddismo Tibetano – si legga a questo proposito 'Spazio, Tempo e Conoscenza' di Tarthang Tulku).

Sappiamo che i flussi di pensiero non conducono solo la sostanza-pensiero da elaborare ma per loro natura trasportano idee pre-elaborate, ovvero programmi mentali, e sono direttamente connessi con la struttura temporale della nostra realtà, dove burattini e burattinai condividono un'illusione e sono persi, sebbene in modi diversi, nel medesimo dramma umano: la distrazione della consapevolezza individuale (realtà).

Dal 2012, e comunque già da alcuni anni di questa potenziale Nuova Era, le linee energetiche planetarie vengono man mano 'resettate', come effetto dell'allineamento galattico (che peraltro altererà il campo magnetico terrestre, altro supporto ai processi di controllo).

Tutto questo produrrà nuove e straordinarie condizioni di rinnovamento spirituale, ma la densità temporale, e quindi il flusso di pensiero che attraversa il nostro mondo, si sta già riducendo sensibilmente, dandoci la possibilità quindi di sfruttare un momento eccezionale per liberarci dal 'baco', esprimere appieno la nostra possibilità di coscienza, emanciparci dall'illusione della mente e dai programmi di controllo, essere finalmente produttori di pensiero e quindi svolgere appieno il nostro ruolo di forme-ponte, irrorando l'esistente con il nostro pensiero prodotto e avvicendando così le forze vicarie della natura che hanno finora presieduto ai processi evolutivi di questa potenziale realtà.

Essere legati al pensiero o essere preoccupati per i fenomeni che possono riguardarci nel nostro prossimo futuro significa non cogliere quanto davvero sta accadendo e, anzi, rischiare di operare al fine di trovare 'soluzioni' per evitare possibilità straordinarie che a volte vengono percepite (o fatte percepire) come problemi.

Il vuoto del pensiero è la libertà dell'anima.
'Nient'altro che se stessi - Incanti e disincanti della nuova Era' di Carlo Dorofatti

In pratica ci troviamo in una 'bolla' tra le tante possibili che, in definitiva, abbiamo scambiato per 'Casa' quando, invece, costituisce solo ed esclusivamente una tappa del percorso verso 'Casa'.

Sta a noi 'capirlo' ed agire di conseguenza, sempre che non si preferisca stazionarvi più a lungo per assaporare l'esperienza suadente dell'oblio. Lontani da sé, lontani dal cuore...

Un sentito ringraziamento a Carlo per questa lucida visione dello 'Stato dell'Arte'.

Davide Nebuloni

Fonte: http://sacroprofanosacro.blogspot.it/search/label/Trasmissioni%20Stellari.

 

Vota:
Gnosticismo Arte Perduta
Vedere l'alternativa

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi