Il velo dell'illusione

di Davide Nebuloni

Perché si definisce, in certi ambiti della 'conoscenza' che questa realtà è illusoria? Forse perché è finta?

300-139bis

Un'illusione è una distorsione di una percezione sensoriale, causata dal modo in cui il cervello normalmente organizza ed interpreta le informazioni che riceve. Le illusioni possono coinvolgere tutti i sensi, ma quelle visive sono le più famose e conosciute, dal momento che la vista spesso prevarica gli altri sensi...

http://it.wikipedia.org/wiki/Illusione

Distorsione di una percezione.
dal latino: [illusio], composto da [in] rafforzativo e [ludere] scherzare - da [ludus] gioco. Dal significato di ironia è passata a quello di derisione, e solo tardivamente ha assunto quello di ingannevole...

http://unaparolaalgiorno.it/significato/I/illusione

Quando si dice 'il gioco della Vita' e quando si pensa a come si era da bambini, tutto fa davvero presupporre al 'ludus', al 'gioco', come perno centrale dell'esistenza incarnata. Per la mente logica, razionale, adulta, moderna, arrivista, è probabilmente 'troppo', per cui ad una certa età subentra e giunge a 'maturazione' quel processo di 'ammaestramento Antisistemico', che plasma il livello di percezione dalla fase di 'gioco' a quella di... come la vogliamo chiamare?

'Dramma'? oppure, dato che il gioco è 'burloso', il suo contrario è 'serioso'. Un termine che descrive, con buona approssimazione, il contesto adulto, soprattutto quando cerimoniale, lavorativo, d'apparenza insomma.

Torniamo al costrutto di partenza: l'illusione.

Se mi metto in giacca e cravatta e 'appaio' ad un colloquio di lavoro, cercherò di essere irreprensibile al fine di ottenere un impiego. Sto, in un certo senso, mostrando un'immagine di me 'alterata' o illusoria, non tanto perché 'non vera', quanto perché non corrispondente all'immagine che mi contraddistingue per la maggior parte del tempo quando sono 'da solo', ossia quando 'sono più me stesso'.

Per cui l'illusione corrisponde ad uno stato dell'essere 'alterato', ma comunque direttamente 'palpabile', vero – nel senso di concretezza fisica del termine.

Io sono 'lì', al colloquio, in carne e ossa, davanti all'esaminatore, tuttavia quella scena è una sorta di 'finzione' in cui entrambi interpretiamo una parte assegnata dal 'copione' della Vita.

L'illusione a cui mi riferisco non è quella, per intenderci', dell'illusionista, ma un qualcosa di tangibile e non escludibile dai sensi 3d. Un qualcosa che avrebbe convinto anche S. Tommaso. Allo stesso tempo rappresenta solo uno 'scenario' delle possibilità offerte. Se quello scenario specifico non corrisponde allo 'scenario principale' allora saremo alle prese con una finzione di noi stessi, corrispondente all'alternarsi delle personalità all'interno di noi.

L'illusione è un gioco di prospettive con 'senso'.

È 'vera' quanto ciò che sottintende, ossia è vera quanto le altre 'dimensioni' del possibile/impossibile. L'inganno sta proprio nel comprendere che l'illusione è nel senso di 'altra possibilità', magari migliore magari peggiore, tuttavia esistente al pari della realtà manifestata.

Questo apparire è ingannevole perché è come essere in una stanza degli specchi che riflettono parti diverse di noi. Parti 'autentiche' di noi seppure in 'movimento esistenziale', ossia che ci riguardano nell'adesso, nell'ora itinerante, opportuno e in definitiva 'perfetto' ai fini della propria funzione auto educativa.

Detto questo, cerchiamo di comprendere questa 'illusione', ossia questo piano della manifestazione alternativa autorizzato dalla 'partecipazione' attiva/passiva della massa.

L'autostereogramma, è uno stereogramma a singola immagine (SIS: Single Image Stereogram), realizzato per creare una illusione ottica tridimensionale da un'immagine bidimensionale, nel cervello umano.

Al fine di percepire una forma tridimensionale in un autostereogramma, gli occhi devono superare di norma il coordinamento automatico tra messa a fuoco e convergenza...

Gli autostereogrammi sono simili ai normali stereogrammi, tranne per il fatto che sono visibili senza l'ausilio di uno stereoscopio. Lo stereoscopio utilizza due immagini bidimensionali, riprese da due punti di vista e le fa vedere solamente all'occhio corrispondente, permettendo così al cervello di ricostruire la tridimensionalità dell'oggetto grazie alla disparità binoculare. Con un autostereogramma, il cervello riceve invece degli schemi bidimensionali ripetuti destinati a entrambi gli occhi, ma non li combina immediatamente nel modo corretto. Per poter visualizzare l'oggetto virtuale in essi rappresentato, è necessario posizionare il punto di convergenza ad una diversa distanza rispetto al piano di messa a fuoco...

Altri utilizzi.
Questa tecnica, oltre a creare l'effetto di tridimensionalità, viene talvolta utilizzata anche per nascondere delle informazioni, specie a chi non conosce la tecnica, infatti guardando l'immagine sembrerebbe una normale immagine casuale o uno sfondo per siti internet.

http://it.wikipedia.org/wiki/Autostereogramma

È possibile 'nascondere informazioni'. Ossia? Se applichiamo questo concetto alla realtà 3d, è plausibile che certe informazioni siano direttamente 'impresse' nell'aria che respiriamo e che 'non vediamo', ma che sappiamo esistere.

L'impressione può riguardare ogni 'cosa' 3d.

Questo è il frattale che dimostra l'esistenza del non manifesto e dell'alternativa a questa società, costituita da cellule in cammino individuale, riflesse appunto in questa versione della società.

Quale tecnica migliore di questa per nascondere informazioni? È sufficiente utilizzare la prospettiva degli occhi per iniziare a vedere un qualcosa di diverso, che si cela nella tridimensionalità:

altra tridimensionalità, altro 'spazio', altra possibilità, ossia un'alternativa a questo 'scenario'.

Una coppia di immagini stereoscopiche differiscono fra loro nella prospettiva, poichè le due immagini sono il risultato di due diversi punti di osservazione...

http://www.ffranceschi.com/stetuit1.html

'Le due immagini sono il risultato di due diversi punti di osservazione'. Esattamente quello che accade tra:

- punto prospettico umano 3d e punto prospettico parassita
- punto prospettico umano 3d e punto prospettivo animico
- punto prospettico umano 3d e punto prospettico divino.

Questa è la Natura dell'illusione che abbiamo co creato:

una possibilità tra le tante da esplorare.

I segnali che incoraggiano questa 'visione' sono molti. È sufficiente, appunto, iniziare ad assumerli in un'altra angolazione prospettica. Il fatto che sono gli occhi a dover mutare 'traiettoria' al fine di poter 'vedere', indica il lavoro fisico di ri-orientamento a cui dobbiamo sottoporci. Un 'lavoro' interiore ed esteriore, ovviamente, perché l'input parte solitamente da un aumento della consapevolezza, che sfocia in un adattamento opportuno del mezzo fisico. Ma non è sempre detto che vada in questa direzione, secondo ottica biodiversa.

Se provate a visualizzare un autostereogramma, potrete osservare una struttura nascosta nel livello superficiale del percepito, che deriva dall'utilizzo dell'occhio senza 'sforzo', ossia che funziona secondo adattamento programmatico, secondo consuetudine biologica 3d.

Quando imparerete a visualizzarlo, allora provate a passare alla 'realtà'. Osservate un prato, un terreno qualsiasi, una strada, una casa, la vostra fisicità...

Ebbene funziona anche in quel caso.

Molto spesso risalta una struttura nella struttura. La struttura celata può riportare informazioni inerenti alla struttura rivelata o apparente. È una questione di pratica. È possibile 'leggere' ad un livello nascosto nella realtà densa emersa, per polarizzazione massiva.

La 'verità' è molto più vicina a noi di quanto si possa pensare, scritta direttamente in noi stessi, su noi stessi. Il lavoro di Calligaris, ad esempio, lo dimostrava già molti decenni or sono:

una mappa sviluppata ed impressa su di noi, ad immagine e somiglianza del 'cielo sovrastante'. Molto simile all'opera ciclopica svolta dagli Egizi nella piana di Giza, con il Nilo a rappresentare la Via Lattea e le Piramidi a rappresentare delle Stelle specifiche:

una mappa terrestre della realtà celeste.

Come è sopra così è sotto...

Osserviamo l'illusione ad ogni livello:

Wall Street sale e occorre chiedersi: perché?
È notorio che gli analisti sono i migliori al mondo nel trovare, a posteriori chiaramente, le giustificazioni di quanto è avvenuto, ma in una giornata come quella odierna, per riuscire in questa impresa, occorre essere davvero dotati di una sconfinata fantasia.

I dati macro sono stati assolutamente negativi, è stato dichiarato lo stato di insolvenza (in altri termini il fallimento) della Grecia, e, come se non bastasse il Presidente della Bce ha annunciato che per l'eurozona il 2012 sarà un anno di recessione.

Ed ora giustificatemi, non solo il mancato crollo degli indici borsistici, ma addirittura un'euforia generale partita da Tokyo ed arrivata a New York, passando per Francoforte e Parigi.

C'è qualcosa che non torna? Sto parlando solo di logica, pura logica, nulla di tecnico, né tantomeno di scientifico, ma semplicemente di logico. Carissimi lettori, personalmente, quando riscontro che la logica non governa gli eventi, mi spavento, non so (o meglio non voglio pensarci) a cosa possa accadere sul nostro pianeta a breve termine, ma potrebbe essere qualcosa di molto grave.

Ovviamente intaschiamo i rialzi, non dico di rifiutarli, ma chiediamoci sempre: perché? E se non riusciamo a darci una risposta, pur in una situazione a noi favorevole, preoccupiamoci!

Brusco scivolone per McDonald's (-3,21%) dopo l'annuncio delle vendite del mese di febbraio, risultate inferiori al consenso, la catena di fast food più nota al mondo, dopo esser stato il best performer dell'indice nel 2011, nell'anno appena cominciato non sta fornendo grandi soddisfazioni...

Perche la Borsa Americana sale? È una illusione.

E ancora, andiamo a vedere come sono andate le vendite di McDonald's, giudicate al di sotto delle stime. Saranno così brutte?

McDonald's più prudente sul primo trimestre, il titolo sotto pressione.
La maggiore catena al mondo di fast-food indica nel comunicato relativo ai dati sulle vendite nel mese di febbraio, che la persistente incertezza economica, le misure di austerità in Europa e la pressione sui costi del lavoro e delle materie prime peseranno sulla crescita dell'utile operativo nel primo trimestre.

La performance di McDonald's a febbraio è stata intanto inferiore alle previsioni.

Le vendite nelle filiali aperte da almeno un anno sono aumentate lo scorso mese del 7,5%. Gli analisti avevano previsto un aumento dell'8,1%. Le vendite sono cresciute negli USA del 11,1%, in Europa del 4% e nell'area Asia-Medio Oriente-Africa del 2,4%. Le vendite totali di McDonald's, quindi quelle che comprendono tutte le filiali del gruppo, sono aumentate a febbraio del 9,4% (del 9,7% a parità di tassi di cambio). Il titolo di McDonald's scende al momento nel pre-borsa del 3,4%.
Link

Le vendite totali di McDonald's, quindi quelle che comprendono tutte le filiali del gruppo, sono aumentate a febbraio del 9,4% (del 9,7% a parità di tassi di cambio).

Siamo al paradosso, vero? La Borsa sconta in anticipo la 'realtà', tuttavia questo è un meccanismo illusorio agli occhi della massa, che si trova perennemente in 'ritardo' nella possibilità di scelta:

prevedibile, perché disposta in quel modo in un piano del tempo deviato.

Salute: mangiare e non ingrassare? Nuovo studio apre via a farmaci.
È possibile non ingrassare pur mangiando di più e muovendosi di meno? È possibile evitare non solo l'obesità, ma anche le sue conseguenze - per esempio, alti livelli di colesterolo e trigliceridi - senza ricorrere a dieta ed esercizio?

Un articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista 'Cell Metabolism' dimostra che farmaci che consentano di realizzare questo obbiettivo, per quanto ancora lontani, potrebbero essere un giorno realizzabili...

Il nostro cervello produce dei neurotrasmettitori, chiamati endocannabinoidi, che agiscono colpendo gli stessi bersagli cellulari attivati dalla marijuana (in latino, Cannabis). Lo studio dimostra che una di tali sostanze, il 2-arachidonil-sn-glicerolo (2-AG), svolge un ruolo di primaria importanza nella regolazione del metabolismo periferico. I ricercatori hanno scoperto infatti che il 2-AG controlla i circuiti cerebrali che aiutano a conservare energia corporea favorendo l'accumulazione di 'grasso bruno' - un tipo di grasso che viene utilizzato per generare calore.

I ricercatori hanno modificato le cellule nervose in topi da laboratorio in maniera tale da far loro produrre quantità elevate di una proteina che distrugge il 2-AG. A causa di questa manipolazione genetica, i livelli cerebrali di 2-AG nei topi mutanti sono circa la metà di quelli normali. Ciò riduce fortemente la capacità del 2-AG ad esercitare i propri effetti di regolazione di vari circuiti cerebrali, producendo una serie di effetti di primaria importanza sul mantenimento del peso corporeo ed il consumo delle calorie ingerite. I topi mutanti mangiano più dei topi normali e si muovono di meno di essi. Eppure non ingrassano anche se esposti ad una dieta alimentare molto ricca di grassi, e non mostrano conseguenze tipiche dell'obesità quali elevata trigliceridemia e perdita di sensitività all'insulina.

I ricercatori hanno scoperto che queste caratteristiche sono dovute al fatto che nei topi mutanti il grasso bruno consuma più calorie (cioè brucia più grassi) che nei topi normali.

'Questo studio - afferma Piomelli - apre la strada alla ricerca di nuove molecole capaci di combattere quelle che rappresentano alcune tra le patologie che, oggi, nei paesi industrializzati generano tra i più alti costi sociali e sanitari. Basta pensare che, in Italia, le patologie che fanno parte della Sindrome Metabolica colpiscono circa 14 milioni di persone, con un continuo incremento anche nei bambini e negli adolescenti.

Poter limitare gli effetti causati da un apporto troppo elevato di cibi grassi e dalla sedentarietà, cioè quelle cattive abitudini che caratterizzano sempre di più la nostra società, rappresenta un grandissimo passo avanti non solo in termini di salute privata e pubblica, ma anche in termini economici per i sistemi sanitari a livello globale'.
Link

La grande illusione legata al principio farmacologico, concepito come 'effetto magico', è davvero pericolosa per il nostro 'equilibrio'. Si cerca di autorizzarci a 'fare di tutto' per poi assumere la pillola magica, equivalente all'assoluzione conferita dal Prete.

La pillola che toglie i peccati, non dal Mondo, ma i peccati in senso di 'danni collaterali' nell'individuo, che in questa maniera è sempre più legato mani e piedi al concetto di 'consumo e irresponsabilità' e, per effetto, all'assunzione di posticci esterni a carattere di mantenimento dello status quo.

Leggiamo questa porzione di notizia:

La Merkel ha più volte affermato che il default della Grecia deve essere evitato perché avrebbe effetti incontrollabili. Lo scenario preferibile secondo Berlino è quello di un default ordinato con una svalutazione del debito del Paese.

Molti deputati sono fiduciosi sul fatto che la Grecia otterrà il sostegno sufficiente (più del 90% di adesioni da parte dei creditori privati) per il piano di svalutazione dei titoli di Stato greci. Al momento sembra che il tasso di partecipazione si aggiri intorno al 55%, cioè con i detentori di più di 110 miliardi di euro di bond che decideranno di scambiare i titoli di Stato ellenici con nuovi titoli, a scadenza più lunga e con cedole inferiori, subendo un haircut del 53,5% del valore nominale...
Link

Un default ordinato con una svalutazione del debito del Paese.

Il Controllo è totale e l'illusione anch'essa.

Siamo giunti al tempo in cui esistono aziende troppo grandi per fallire e Stati troppo importanti per fallire. La responsabilità per quello che è accaduto viene sotterrata nell'atto giustificante, nella scelta indotta di un alternativa al fallimento.

Il fallimento non corrisponde alla dannazione. No. Corrisponde all'avere preso una via che si è dimostrata sbagliata perché non sostenibile nel tempo, nella moralità, nell'etica e nella giustizia celeste e, semplicemente, ammetterlo a se stessi e pubblicamente.

Ma non se ne vuole prendere atto e si cerca di andare avanti attraverso l'utilizzo di trucchi contabili, suggestioni, ricatti sottili, etc.

Chi vuole andare avanti su questa strada?

Chi ne ricava un vantaggio. Quindi 'pochi'. La massa teme che la caduta del paradigma corrisponda alla propria 'fine', al 'ricominciare ancora una volta da capo'. Questa induzione interna determina i movimenti massivi allineati con gli input Antisistemici. In pratica nessuno intende che le cose cambino davvero.

Il motto è 'alla fine almeno un tetto sopra la testa ce l'ho'...

Si è nascosti dietro ad una 'foglia d'illusione'. Ma basta un po' di vento per lasciarci 'nudi' e nella convinzione di esserlo davvero. A quel punto si inizierà davvero da capo, anche se ogni volta non è mai esattamente uguale...

Impariamo ad osservare la realtà manifesta con altri occhi, ossia con quelli che ci troviamo, ma utilizzandoli fisicamente in un altro modo, oppure con gli occhi della consapevolezza alla luce della nostra divinità.

E impariamo a rispettare la nostra vera essenza. La schiavitù non fa per noi.

Fonte: http://sacroprofanosacro.blogspot.it/2012/03/il-velo-dellillusione.html

 

Vota:
Vedere l'alternativa
La controparte

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi