Sri AmmaBhagavan Spiega l'Amore

Coversazione con Sri Bhagavan del 27 maggio 2012

DOMANDA: Bhagavan, in questa corsa di topi che è la società , che cosa devo fare per tenermi in contatto con i sentimenti del mio cuore? Mi sento molto arido .

SRI BHAGAVAN: Il fatto che devi capire è che il tuo cuore non è risvegliato. Che non hai i sentimenti giusti, o hai perso il contatto con i sentimenti e il cuore è chiuso. Ora, non dovresti dire 'Voglio che il mio cuore sia risvegliato'. Nessuno sforzo deve essere fatto per cambiare questa situazione, si otterrebbe di non arrivare da nessuna parte. Accetta il fatto che il tuo cuore è chiuso. Non ci sono sentimenti. Questa è la verità. Non muoverti da quella verità. Vedila. Accettala. E sta con lei. Questo è tutto.

Molto naturalmente, automaticamente, il tuo cuore fiorirà. Ma se tenti di fare qualcosa per farlo fiorire, non accadrà nulla. Puoi farlo per anni, non accadrà nulla. La via più breve e più semplice è rimanere in quella verità. Non andare oltre quella verità. Resta tutto il tempo con quella verità. Dì a te stesso 'Sì, lo vedo, niente cuore, niente sentimenti, niente emozioni adeguate. Niente! È arido'. Questo è tutto.

Questa è la meditazione. Rimani dove sei. Per spostarti dalla tua condizione pratica la non meditazione. Rimanere dove sei realmente, è la meditazione. Il resto è tutto automatico. Non devi fare nulla. Non si può fare nulla. Essa avviene automaticamente.

SRI BHAGAVAN: La prima cosa è osservare: è la cosa fondamentale nel Dharma. Quando si tratta di problemi interiori o crescita interiore o progresso spirituale, dovete imparare l'arte di vedere. Supponendo che la gelosia sia lì, si deve imparare a vedere la gelosia. Non siamo preoccupati per gelosia in quanto tale. Cosa c'è, non è importante per noi, ma è necessario 'vedere' cosa c'è. 'Vedere è essere liberi'.

Il semplice atto del vedere è la libertà. Questa libertà è la meditazione. È Gioia. È Pace. È Amore.

************************

DOMANDA: Che cosa è l'amore, Bhagavan? L'amore è anche un'emozione come la rabbia, come la gelosia o è un potere che si nasconde dentro l'uomo? E come mai poarta sia alla sofferenza che alla gioia?

SRI BHAGAVAN: "L'amore non è un sentimento, né un qualche potere, come dici tu è nessuna di queste cose. Di questo amore non si può parlare...

Possiamo dire che cosa non è. L'amore di un genitore per il bambino non è questo amore. L'amore tra un uomo e una donna non è questo amore. Il tuo amore per il tuo amico non è questo amore. Non è attaccamento, non è possesso, non è preoccupazione, non è attenzione, non è nessuna di queste cose.

È il materiale con cui è stato creato questo universo. Esso è la sostanza dell'universo. È la tua vera natura. È ciò che è lì. Se si va sempre più in profondità nella realtà, quello che c'è, è il vuoto (Lo stato di contenere nulla). È tutto vuoto. Questo vuoto è l'amore. Questo è l'amore di cui parlo. Deve essere vissuto.

Al primo livello devi diventare illuminato, al secondo livello il divino deve prendere dimora in te, solo allora si sa di cosa si tratta. Altrimenti è oltre la vostra portata.

Non stiamo condannando l'amore che stai vivendo ora. Questo tipo di amore va perfettamente bene. Quello che stiamo dicendo è che 'l'amore non ha una causa'. Se vedete qualcuno, ci sarà 'questo' amore. Se vedete una formica ci sarà 'questo'amore. Non c'è alcun motivo per 'questo'amore. Per l'amore che conosci invece ci deve essere una causa. Deve essere vostro figlio, moglie, amica, allora c'è amore.

D'altra parte, quando si verifica l'Amore senza causa, si è nell'Unità. Non sei più separato dal cane, il lebbroso, il mendicante o il ricco, nessuno è separato da voi. C'è Unità completa. Si tratta di un amore nato dall'Unità. Così, non ha una causa.

*****************************

DOMANDA: Caro Bhagavan, come posso imparare ad amare me stesso? Ho capito che tutti i miei problemi psicologici sono direttamente associati alla non accettazione di me stesso. Essendo il canale per trasferire il Tuo amore ad altre persone, come posso imparare ad amare me stesso?

SRI BHAGAVAN: Abbiamo detto che devi essere attivo nel mondo esterno, nel mondo interiore devi essere passivo. Ora, ecco quello che sta succedendo: hai capito che non sei in grado di accettare te stesso, che non sei in grado di amare te stesso. Fin qui, tutto bene. Ma il problema è che stai cercando di accettare te stesso, stai cercando di amare te stesso. Ecco perché sei condannato al fatto di non accettarti. Con ciò stesso ti stai condannando al fatto di non amarti.

Questo non è l'insegnamento della Oneness. Ciò che l'insegnamento della Oneness ti sta dicendo è: vedi, guarda, sii consapevole del fatto che non ti accetti, intensamente consapevole. Sii intensamente consapevole del fatto che non ti ami. Se tu dovessi condannarlo, se tu dovessi provare a cambiarlo, non accadrà nulla. È semplicemente questa consapevolezza. Non dovresti nemmeno pensare che è male. Se dici "Oh, è un vero male, io non mi accetto. Devo accettarmi." – Questa non è consapevolezza che giunge durante la contemplazione. La consapevolezza è solo per vedere cosa sta succedendo. Che cosa c'è, è ininfluente, non ha alcuna importanza.

****************************

D: "Bhagavan, hai detto che "Una persona felice crea un mondo felice intorno a sè" , dunque è necessario amare noi stessi.?"

Sri Bhagavan: Il nostro "ti amo" nasconde tanta paura, vi è una controparte negativa dietro le nostre più belle emozioni. Non ci può essere nulla senza la controparte negativa. Hai gelosia, rabbia, odio, violenza, lussuria.

Magari uno è 'uomo più tranquillo del mondo, e il mondo trama la sua morte, e segretamente spera che un camion lo investa, magari dicendogli: ti auguro buona fortuna.

Questo lato negativo, noi lo abbiamo messo sotto il tappeto. E si nasconde lì. E 'nell'inconscio. E puzza. Da lì sta causando tutti i nostri problemi . Ma è tutto lì. Questo lato è tuo. Nessun essere umano può essere su questo pianeta senza quel lato negativo .

Cosa distingue i grandi personaggi, il Mahatma Gandhi, Ramana, i Buddha? Sanno che questa parte è lì e la accettano e la amano. Mentre tu, tu non la vedi, tu non la accetti, non la ami, o fai finta che non c'è. Così nel cammino della spiritualità, il viaggio prima e più importante, è nel sollevare quel tappeto sotto il quale hai sepolto quelle parti!

Non possiamo farci niente, perché la contaminazione è lì, l'aria è contaminata, la coscienza è contaminata. E' lì. Stai solo facendo finta che non c'è. E il cammino della spiritualità è : prima di tutto dire sì, io sono questo. E affrontarlo. E poi vedrete, un miracolo avverrà. Che miracolo, scoprire quello che è! Quindi, questo è ciò che intendiamo quando diciamo Amore. Tutta questa sporcizia, questo fango, che a nessuno piace. Quando non ti piace, quando ne hai paura, come puoi amare? Invece è possibile amare e dire, sì, è così. E' lì - cosa ci posso fare? Non puoi farci niente. Quindi questo è ciò che intendiamo quando diciamo: ti amo. "

"NON cercate di riempirvi d' amore, ma STATE NEL FATTO CHE NON C'È AMORE" .....

Sri AmmaBhagavan

Per altre informazioni su Sri Ammabaghavan e la Oneness University potete visitare:
http://www.onenessuniversity.org/

(Traduzione di Paola Eleonora Raschellà)

Vota:
Carlos Castaneda "Il Dialogo Interiore"
In Cammino verso la Vita

Related Posts

Commenti 1

 
laura bartorelli il Lunedì, 28 Maggio 2012 16:13

La Verità E'(una) dal Cuore dei Maestri Autentici sgorga inesauribile un'unica eterna Verità. Non puoi sbagliare...

La Verità E'(una) dal Cuore dei Maestri Autentici sgorga inesauribile un'unica eterna Verità. Non puoi sbagliare...

Accedi