L'importanza del perdono.

E' importante rendersi conto che spesso viviamo nel passato, infatti ci sono dolori, ferite, ricordi che tutt'ora ci tengono prigionieri, impedendoci di essere sereni con noi stessi e con gli altri. Un passo necessario è quello di affidare definitivamente il passato al passato, lasciandolo andare e per far questo immaginate che nel vostro paese abbiamo aperto un nuovo negozio il cui nome è " Il negozio del Perdono", perché ogni disagio e malessere è dato da un rancore non risolto verso una persona o un evento.

Generalmente proviamo tutto questo in primis verso i nostri genitori, infatti ogni cosa irrisolta emergerà nelle nostre relazioni e quando non viene perdonato qualcosa che è avvenuto con loro, inconsciamente verrà ricreato nei legami affettivi, al fine di risolvere il problema. Quindi possiamo sentirci arrabbiati con loro, ma poi dobbiamo smettere di fare le vittime e riprendere nelle nostre mani il potere della nostra serenità, qualunque cosa abbiano fatto, onoriamoli per il fatto di averci dato la vita, di averci donato la possibilità di essere incarnati, tenendo conto che anche loro hanno le loro ferite emozionali e le loro difficoltà. Non perdonarli significa portare l'inferno in terra.

Copyright Jean-Paul Avisse

Affinchè ci sia un reale perdono, occorre vedere e riconoscere le nostre responsabilità, anche perché comunque se abbiamo attirato ed incontrato determinate persone e situazioni è comunque una nostra scelta - magari non cosciente, ed inoltre siamo sempre totalmente responsabili di come reagiamo davanti al conflitto.

"Quello a cui resisti
persiste e dovrai comunque
risolverlo più avanti!"

Iniziamo a comportarci come quel qualcuno che vogliamo diventare, allineandoci con le possibilità a cui possiamo attingere nelle nostre attitudini per diventare proprio come vorremmo.
Il passato non è più qui, tutto quello che non possiamo cambiare è avvenuto in un luogo dello spazio-tempo che non è più questo e ciò è meraviglioso perché significa che possiamo cambiare tutto quello che non ci piace nella propria vita a partire da qui ed ora! Se riusciamo a perdonare siamo liberi, perché è stata premiata la volontà di superare il sentimento di vittimismo, la voglia di risolvere i problemi e di riavvicinarci a coloro che avevamo rischiato di perdere. Perdonare è decidere di sciogliere il dolore e le amarezze create da situazioni che comunque sono avvenute ieri, e che solo noi possiamo scegliere di mantenere in vita o di lasciare andare per sempre. Il perdono rende liberi!


E' necessario riflettere sul fatto che le persone che ci hanno ferito non esistono più e non sono più le stesse, perché ogni essere è diverso giorno dopo giorno, ed una situazione non è mai uguale ad un'altra, se c'è un conflitto significa che non siamo così a posto come credevamo, perché l'evento è lo specchio di una parte di noi che ha bisogno di essere trasformata.


C'è una tecnica molto semplice, ma efficace per aiutarci a pulire l'astio con una persona, si tratta di scrivere una lettera con le parole che vorremmo sentirci dire da lei, scrivendoci tutto ciò che ci farebbe piacere leggere e poi inviandola al nostro indirizzo e quando, dopo qualche giorno, sarà nelle nostre mani, sentiamo l'effetto che ci fa. Si tratta di una questione d'energie, questa lettera oggi esiste ed il fatto che entri "in circolo" nell'universo potrebbe dare dei risultati sorprendenti. Sarà uno scritto dove vengono riconosciute le nostre ragioni e dove viene resa soddisfazione alla parte di noi che è rimasta ferita. Questo porta una sorta di equilibrio ed è più facile passare al perdono.

E' fondamentale perdonare se stessi e gli altri, con la consapevolezza che tutto ciò che non ha funzionato nella nostra vita è una nostra responsabilità, date dalle proprie scelte. Quando siamo adirati è perché in quel momento pensiamo che l'evento subito sia così grave da non poterci passare sopra, quando invece sappiamo che possiamo passare sopra a tutto – come abbiamo già fatto milioni di volte – ed allora perché non farlo subito così da far fluire subito l'energie e non creare dei blocchi? Perché troppo spesso desideriamo crogiolarci nel ruolo di vittima e far vedere solo quanto il nostro ego è stato ferito, non rendendoci conto di quanto tutto questo ci costa.

Proviamo invece ad entrare anche nel punto di vista dell'altro, cerchiamo di capire perché ha agito in un certo modo, magari arriviamo ad avere una visione più completa dell'accaduto e non solo il nostro punto di vista. Inoltre proprio quella persona è il nostro più grande insegnante di vita, perché porta in superficie una parte di noi che non conosciamo, altrimenti non ci darebbe fastidio, magari il suo comportamento ci permette di contattare la nostra rabbia, o la nostra aggressività ... e solo vedendola è possibile accettarla e trasformarla!
Abbiamo il potere di ristrutturare qualsiasi episodio negativo che è accaduto nel corso della nostra vita e di lasciarlo andare, resituendolo al Passato, per poter volare verso il futuro con meno zavorre e più Pace nel cuore!

http://www.raphaelproject.com/femme/perdono.htm

Vota:
Illuminazione e Diksha
L'enneagramma

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi