Ayurveda: millenaria "Conoscenza di Vita"

4b3b910555d2ec08361bc43fc283baaa

I PRINCIPI DI AYURVEDA

Caterina Origlia

Medico Chirurgo, specialista in medicina interna

L'Ayurveda (dal sanscrito ayur=vita e veda=scienza) é la più antica e diffusa medicina del sub-continente indiano. Nata come appendice del quarto ed ultimo libro dei Veda, l'Atharva Veda, in epoca imprecisata, ma sicuramente precedente il quinto millennio a. C., é per tradizione considerata eterna, originata direttamente da Brahma e divulgata agli uomini grazie all'illuminazione divina dei Rishi, gli antichi saggi indiani, veggenti della verità. Si é sviluppata nel corso del tempo con un suo proprio ricco e nutrito complesso di conoscenze, sia strettamente mediche che religiose e filosofiche, con numerose e differenti stratificazioni culturali, intrise peraltro di miti e leggende, talora in contraddizione tra loro. A noi giunge tramite le diverse scuole succedutesi nei millenni (dapprima in India, quindi nelle regioni asia tiche limitrofe ed infine in Occidente) e grazie ad alcuni trattati, quali, i più autorevoli, il Charaka Samhita ed il Sushruta Samhita del mille a. C., e l'Astanga Hrdayam dell'VIII secolo d. C.

ayurveda-think2

 

Le basi filosofiche e religiose:la filosofia del Samkhya

Il principale riferimento culturale filosofico-religioso dell'Ayurveda e' rappresentato dall'antica filosofia indù del Samkhya, (dal sanscrito sat=verita' e khya =), del Rishi Kapila, detta anche della manifestazione o della dualità, secondo la quale la creazione, eterna, continua, al di la' del tempo e dello spazio e sempre presente nel tempo e nello spazio, deriva dall'unione dei due principi universali del non manifestato, o AVYAKTA, cioé di PURUSHA e PRAKRITI. Purusha, maschile, soggettivo, passivo, privo di qualsiasi attributo, atemporale ed aspaziale, è la pura coscienza, il principio dell'unità dell'universo. Prakriti, femminile, oggettivo, volitivo, pieno di tutti gli attributi possibili (forma, colore, qualità, etc...), e' la materia primordiale, la consapevolezza attiva, l'uno che desidera manifestarsi e generare i molti, il principio della diversità dell'universo, la volontà divina, che ha in sé le tre energie primarie, de nominate GUNA, manifestazioni del suono cosmico primordiale AUM: SATTVA, l'equilibrio (Brahma), RAYAS, il dinamismo (Vishnu) e TAMAS, l'inerzia (Mahesha).

Prakriti per sua stessa volontà origina il desideriodi manifestarsi e si unisce a purusha, testimone passivo, creando MAHAT, l'intelligenza cosmica, la facoltà di saggezza, la luminosità (fig. 1).

Mahat a sua volta genera AHAMKAR, la memoria individuale cosmica lungo il percorso delle rinascite, il senso dell'individualita' (caratterizzato dai Guna ereditati da prakriti in qualita' di ego soggettivo (Sattva), oggettivo (Tamas) e di correlazione tra il soggettivo e l'oggettivo (Rayas)) responsabile della manifestazione conclusiva della creazione: l'individuo.

Mahat ed Ahamkar costituiscono insieme ANTAHKARANA, lo strumento psichico dell'essere.

 

ominojpg

Anatomia e fisiologia energetica

Si distingue nell'individuo una complessa struttura generata dall'Ahamkar tramite i Guna: Rajas si unisce a Sattva, originando MANAS, la mente, gli organi motori e sensitivi, ed a Tamas, dando luogo ai cinque BHUTA, o elementi basilari della materia (fig. 1).

La mente

E' denominata manas, è una struttura ricettiva ed esecutiva allo stesso tempo, avente il compito di mediare le informazioni tra l'Ahamkar e gli organi sensitivi e motori sotto l'illuminazione di Mahat.

Gli organi motori

Sono la bocca, le mani, i piedi, gli organi riproduttivi e quelli escretori.

Gli organi sensitivi

Sono le orecchie, la pelle, gli occhi, la lingua ed il naso.

I BHUTA

Sono, rispettivamente dal più sottile al più denso, l'ETERE, l'ARIA, il FUOCO, l'ACQUA e la TERRA.

Si correlano tra di loro in un ciclo continuo di produzione e distruzione reciproca (fig. 2).

Sono rispettivamente collegati ai sensi udito, tatto, vista, gusto, olfatto, agli organi sensitivi orecchie, pelle, occhi, lingua, naso, ed agli organi motori corde vocali, mani, piedi, genitali, ano, ed infine alle funzioni parlare, manipolare, deambulare, procreare ed evacuare.

Si riuniscono tra di loro per originare i DOSHA (fig. 1).

I DOSHA

Sono in numero di tre, denominati rispettivamente VATA, PITTA, KAPHA.

Sono presenti in qualsiasi organismo, anche se in preponderanza relativa differente, stabilita al concepimento dall' Ahamkar a seconda dell'unicità dell'ESSERE.

Presentano le seguenti caratteristiche:

VATA: è prodotto dall'unione di Etere ed Aria; è l'umore del movimento, della vitalità, dell'attivazione e del catabolismo; è secco, freddo, umido, volatile, leggero, mobile, chiaro, sottile, dispersivo; ha come sedi naturali la cavità pelvica, l'intestino crasso, le cosce, le ossa, la pelle e le orecchie; controlla gli apparati respiratorio, circolatorio, locomotore, genitale, il sistema nervoso somatico e viscerale e gli organi escretori; favorisce gli stati psico-emotivi di entusiasmo, attività, socievolezza, ansia, paura, ingenuità e nervosismo; prevale nell'età senile; la sua essenza viene denominata PRANA;

PITTA: deriva dall'unione di Fuoco ed Acqua; è l'umore della trasformazione e del metabolismo; è caldo, oleoso, leggero, mobile, penetrante, liquido, di odore acre; si situa di norma nell'intestino tenue, nello stomaco, nel sangue, nel tessuto adiposo, nella pelle e nelle ghiandole sudoripare; governa i processi digestivi, la termoregolazione, lo stato della pelle, la luminosità dello sguardo, la produzione di energia; determina gli stati psico-emotivi di espansione interpersonale, socievolezza, audacia, coraggio, intraprendenza, creatività, odio, ira, gelosia, collera; è preponderante nell'età adulta e la sua essenza è denominata TEJAS;

KAPHA: origina dall'unione di Acqua e Terra; è l'umore della coesione e dall'anabolismo; è freddo, umido, oleoso, pesante, lento, viscoso, denso, morbido, statico; occupa naturalmente lo stomaco, il torace, la gola, la testa, il naso, i seni paranasali, la bocca, le articolazioni; costituisce il plasma, il citoplasma e le secrezioni; è responsabile della resistenza, della crescita e dell'integrita' corporea, della lubrificazione delle articolazioni, dell'immunità umorale e cellulare, della produzione delle secrezioni e dei processi mnesici; determina gli stati psico-emotivi di staticità, stabilità, calma, perdono, distruttività, indolenza, volubilità, inerzia, codardia, avidità, attaccamento, invidia; prevale nell'età infantile e la sua essenza e' denominata OJAS.

I DHATU: Sono i tessuti dei vari apparati dell'organismo. Si originano a cascata l'uno dall'altro a partire dal

primo, denominato RASA, derivato a sua volta dall'unione di tutti e cinque i Bhuta.

Sono, considerati nella sequenza generatrice :

" RASA, la linfa ed il plasma,

" RAKTA, la parte corpuscolata del sangue,

" MAMSA, il tessuto muscolare,

" MEDO, il tessuto adiposo ed i visceri,

" ASTHI, il tessuto osseo e cartilagineo,

" MADJA, il midollo osseo ed il tessuto nervoso,

" SHUKRA, il tessuto riproduttivo.

Vengono prodotti nella vita intrauterina e successiva mente continuamente rigenerati grazie all'azione di enzimi denominati DHATU-AGNI.

GLI AGNI: Sono indicati con il termine Agni gli enzimi dell'organismo. Prodotti dal Dosha Pitta, intervengono nei processi di

digestione, assimilazione ed elaborazione metabolica. In numero complessivo di tredici sono collocati uno nello stomaco e nell'intestino tenue (JATHARA-AGNI), cinque nel fegato (PANCA BHUTA-AGNI) e sette nella sequenza generatrice dei Dhatu (DHATU-AGNI).

Il loro funzionamento difettoso genera AMA, sostanza pesante, densa, appiccicaticcia, fredda, maleodorante, ostruente.

Il loro funzionamento in eccesso distrugge i tessuti e le sostanze nutritizie, indebolisce l'immunita' e consuma l'organismo.

I MALA

Sono i prodotti di rifiuto elaborati durante la generazione e rigenerazione dei Dhatu.

Vengono in condizioni fisiologiche subito smaltiti all'esterno. I più importanti sono le feci, le urine ed il sudore.

GLI SROTA

Sono i canali dell'organismo lungo i quali vengono veicolati i fluidi, quali le sostanze nutritizie, i Dosha, l'aria, i Mala, l'aria, le secrezioni, il sangue, il plasma, la linfa, il latte ed il sangue mestruale.

Di dimensione variabile a seconda della loro funzione, sono in numero di tredici nell'uomo e quindici nella donna (nella quale i due in più sono il canale mestruale e quello del latte).

LE NADI

Sono sottilissimi canali lungo i quali circola il Prana. I principali sono SUSHUMMA, IDA e PINGALA.

I MARMA

Sono i punti vitali della superficie dell'organismo, a livello dei quali avviene l'incrocio delle Nadi. Hanno una precisa disposizione topografica e svolgono anche il ruolo di zone riflesse. I piu' importanti sono in numero circa di 365. A scopo terapeutico ne vengono utilizzati solo 43.

LE COSTITUZIONI

Rappresentano l'insieme delle caratteristiche manifeste dell'individuo e sono pertanto indicate anch'esse con il termine Prakriti. Vengono determinate all'atto del concepimento e sono suscettibili di variazioni durante l'intero arco vitale.

Si distinguono in mentali e fisico-psichiche, stabilite, rispettivamente, dalla presenza quantitativa relativa dei Guna e dei Dosha.

Prendono il nome rispettivamente dal o dai Guna e Dosha preponderanti.

Presentano le seguenti caratteristiche fondamentali:

Costituzioni mentali:

PURE:

RAJASICA: dinamismo, coraggio, audacia, produttività, invidia, gelosia, collera;

TAMASICA: stabilità, staticità, solidità, inerzia, indolenza, volubilità, codardia, distruttività;

SATTVICA: purezza d'animo, equilibrio psichico, amore per al verità, incorruttibilità, creatività:

MISTE: per esempio rajasica-sattvika, sattvika-tamasica-rajasica: presentano l'insieme delle caratteristiche di quelle pure in Base ai guna preponderanti;

Costituzioni fisico-psichiche:

PURE:

VATA: struttura fisica longilinea, irregolare, con tendenza a dismorfismi, cute e mucose secche, capelli sottili e radi, occhi piccoli o molto grandi, unghie fragili, irregolari o dure, labbra irregolari, lingua sottile, ruvida, scarso sviluppo muscolare, temperatura corporea bassa, difficoltà digestiva, facilità al dimagrimento ed all'affaticamento, escrezioni scarse,..dense, instabilità emotiva;

Costituzioni fisico-psichiche:

PURE:

VATA: struttura fisica longilinea, irregolare, con tendenza a dismorfismi, cute e mucose secche, capelli sottili e radi, occhi piccoli o molto grandi, unghie fragili, irregolari o dure, labbra irregolari, lingua sottile, ruvida, scarso sviluppo muscolare, temperatura corporea bassa, difficoltà digestiva, facilità al dimagrimento ed all'affaticamento, escrezioni scarse,..dense, instabilità emotiva;

PITTA: struttura fisica normolinea con buon sviluppo muscolare, struttura scheletrica regolare, cute e mucose rosee, ben irrorate ed idratate, capelli ricci e folti, occhi di dimensioni medie, iperemici, con fotofobia, unghie forti, rosee, morbide, labbra rosee ben sviluppate, lingua muscolosa, rosea, temperatura corporea alta, escrezioni ben rappresentate, calde, brucianti, scure, maleodoranti, buona capacità metabolica, socievolezza, espansibilità sociale, collera, invidia;

KAPHA: struttura fisica brevilinea con apparato scheletrico pesante, scarso sviluppo muscolare, capelli forti, folti ed opachi, occhi grandi, umidi, con tendenza a secrezioni catarrali, unghie larghe, umide, morbide, labbra umide, pallide, molto sviluppate, lingua umida, grande, ricoperta da una patina biancastra, temperatura bassa, escrezioni discretamente rappresentate, dense, chiare, tendenza all'obesità, calma, inerzia, indolenza

MISTE: per esempio vata-pitta-kapha, vata-kapha, pitta kapha: insieme delle caratteristiche di quelle pure in vase ai dosha prevalenti.

herbs2

 

LA PATOGENESI DELLE MALATTIE

Lungo il percorso del suo ciclo vitale l'essere umano è in continua interazione dinamica con le sue parti e tutto ciò che lo circonda con sequenze e modalità determinate dalle caratteristiche del suo antahkarana edalle leggi universali del Karma, dei Simili e dei Contrari:

legge del Karma: ogni azione determina una reazione analoga e di verso contrario: ogni condizione dell'esistenza e' conseguente alle azioni compiute nelle vite precedenti ed in quella presente: l'uso improprio della mente, degli organi sensitivi e motori, il non rispetto delle leggi della natura, provocano situazioni illusorie ed errate, con allontanamento dalla verità e dall'evoluzione.

legge dei Simili: forze simili interagenti si potenziano reciprocamente: il calore estivo accentua pitta, caldo, il movimento aggrava rajas, il dinamismo, e vata, l'attivazione, l'ira repressa aumenta rajas, l'irascibilità;

legge dei Contrari: forze contrarie interagenti si riducono reciprocamente: il calore estivo diminuisce vata e kapha, freddi, il movimento riduce tamas , l'inerzia, e sattva, l'equilibrio.

Ne consegue, pertanto, che lo stato di salute contingente, denominato VIKRITI, è ampiamente variabile con oscillazioni possibili comprese, in relazione alla risultante delle azioni e delle interazioni delle forze, tra due estremi: l'EQUILIBRIO ARMONICO, cioè la salute e la longevità, e lo SQUILIBRIO DISARMONICO, ovvero la malattia, con una gradualita' di lesione rilevabile fino a quella estrema della morte, relativamente alla struttura ed al livello interessato. Per esempio, nel caso il danno riguardi i dosha, determinandone un aumento, vengono distinte sei fasi progressive:

" accumulazione: iniziale aumento del dosha nelle sue sedi,

" aggravamento: ulteriore aumento del dosha,

" inondazione: il dosha continua ad aumentare fino a straripare dalle sue sedi,

" localizzazione: il dosha occupa parti del corpo diverse dalle sue sedi,

" manifestazione: il dosha continua ad aumentare provocando sintomi clinici aspecifici.

" specializzazione: il dosha localizzato si aggrava determinando sintomi e segni clinici specifici di malattia: è solo in questa fase e, talora, nella precedente, che il soggetto avverte il suo stato di malessere e richiede un intervento terapeutico.

 

 Segue alla Fonte: http://www.arabafenix.it/83320.php

 

 

 

Vota:
G.I. Gurdjieff - Siamo cibo per la Luna
Quando ho cominciato ad amarmi davvero...

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi