Théatre

jodorowsky tutto il teatro

"Non inizia, non finisce, accade da tempi immemorabili, continuerà finché ci saranno degli esseri umani: è il mistero del teatro. Tragedia, dramma, commedia, effimero, performance, cerimonia religiosa, rito iniziatico, possessione sciamanica, atto di psicologia, rituale sadomasochista e molte altre manifestazioni in cui coloro che recitano diventano altro. Questa fuga dalla prigione dell'io è sempre, in qualche modo, la ricerca dell'immortalità, dato che il personaggio incarnato-essendo di natura prettamente spirituale-è un'entità liberata dall'estinzione. Interpretare Amleto o ricevere il potente Ogù in trance voodoo significa impregnarsi di un essere immaginario che, saltando di attore in attore, vince la morte. Noi stessi, rinchiusi all'interno di un ego terribilmente mortale forgiato dalla famiglia, dalla società e dalla cultura, sappiamo che siamo recitando, che non siamo quello che siamo ma quello che gli altri vogliono che siamo; sappiamo che la limitata personalità che in stato di veglia brandiamo come una maschera, quando dormiamo si dissolve come una nuvola. Dubito che esista una persona completamente soddisfatta di questo travestimento. Tutti sogniamo di essere qualcosa di più. La soddisfazione essenziale esiste solo in coloro che raggiungono l'illuminazione. Questo desiderio di essere qualcos'altro si incarna nel teatro; teatro che-quando si toglie dal suo limite e si estende come un balsamo ad ogni attività istrionica, sacra o profana che sia-ci offre l'opportunità di uscire da "noi stessi" per scoprire le molteplici possibilità dell'essere essenziale. Dopo molte esperienze sceniche, per me era diventato vitale conseguire un teatro che non fosse esibizionista-narcisista, quanto piuttosto un confronto con me stesso.Spettacoli che mi facessero affrontare il mio vuoto. Mi sentivo fuori da tutto, completamente in superficie, lontano, in cerca di un senso per la maschera che ero. In nessun modo una sfera il cui centro è in ciascuna delle parti e la superficie nessuna, ma una sfera dove la superficie è in ogni parte ed il centro in nessuna".

(Estratto da Tutto il Teatro di Alejandro Jodorowsy)

Vota:
Earth Essence
L'Eremita

Related Posts

Commenti 4

 
nican il Giovedì, 24 Maggio 2012 15:57

Alejandro... il suo libro "la danza della realtà" mi aprì a suo tempo squarci dirompenti di me stesso :D
In Toscana c'è una folle maga che ha fatto del teatro lo strumento per esplorare e sperimentare veramente sè stessi, o, come lei ama dire, per "essere autori-attori della propria vita sul palcoscenico del mondo, nella parte del protagonista".
Seguo il corso da due anni e lo consglierei chiunque, anche senza velleità da attore.
Qualche informazione in più la trovate su http://www.teatrotranspersonale.it/

Alejandro... il suo libro "la danza della realtà" mi aprì a suo tempo squarci dirompenti di me stesso :D In Toscana c'è una folle maga che ha fatto del teatro lo strumento per esplorare e sperimentare veramente sè stessi, o, come lei ama dire, per "essere autori-attori della propria vita sul palcoscenico del mondo, nella parte del protagonista". Seguo il corso da due anni e lo consglierei chiunque, anche senza velleità da attore. Qualche informazione in più la trovate su http://www.teatrotranspersonale.it/
laura bartorelli il Giovedì, 24 Maggio 2012 16:31

Se abitassi ancora in Toscana! Ci sarei, sicuramente...
Ma non è detto che non riesca, prima o poi, a liberarmi per un periodo :)

Se abitassi ancora in Toscana! Ci sarei, sicuramente... Ma non è detto che non riesca, prima o poi, a liberarmi per un periodo :)
laura bartorelli il Giovedì, 24 Maggio 2012 16:41

Sono perfettamente consapevole che siamo gli attori ingenui su una scena di un palcoscenico misterioso e immenso (per dirla con le bellissime parole di Guccini)

Alejandro Jodorowsky. Un poliedrico istrione. Un affascinante sciamano che, a ottant'anni, legge e spiega il mondo e il cuore degli uomini con lucidità adamantina. (ho tutti i suoi Libri, lo seguo con Amore)

Sono perfettamente consapevole che siamo gli attori ingenui su una scena di un palcoscenico misterioso e immenso (per dirla con le bellissime parole di Guccini) Alejandro Jodorowsky. Un poliedrico istrione. Un affascinante sciamano che, a ottant'anni, legge e spiega il mondo e il cuore degli uomini con lucidità adamantina. (ho tutti i suoi Libri, lo seguo con Amore)
laura bartorelli il Giovedì, 24 Maggio 2012 16:46
ecco :) uno più Bello dell'altro http://www.macrolibrarsi.it/autori/_alejandro_jodorowsky.php

Accedi