Il creativo e il ricettivo

Il Creativo ed il Ricettivo

Tra le diverse caratteristiche che accompagnano l'essere umano due sono apparentemente diverse: l'essere creativo e l'essere ricettivo.
Perché "apparentemente"?
Proviamo ad analizzare i contenuti.
La persona creativa è presa da un impulso che "deve" seguire per soddisfare l'energia che lo spinge a fare qualcosa: dipingere, suonare, scrivere, scolpire, o fare qualunque altra cosa.
La spinta a creare è così forte che non può esimersi dal farlo. Essa proviene dalla parte più profonda della coscienza e non vi è "censore", per dirla alla Freud, che possa frenarla. Quindi agisce e finchè non ha terminato l'opera, non cessa di lavorarci su.
Potrebbe avere delle pause, dei momenti di osservazione dell' opera stessa, ma di fatto, potrà metterci un giorno o un mese, si fermerà solo ad opera compiuta.
La straordinaria energia che lo muove non gli permette di astenersi.
Il ricettivo: In genere è la persona che "sente" interiormente qualcosa, che percepisce ciò che altri non riescono a percepire.
E' la persona che "sente" salire dal profondo della coscienza un'idea, un'immagine, qualcosa che non saprebbe nemmeno descrivere, ma che sa essere vero.
Spesso è un taciturno, un "riflessivo" direbbero altri, in realtà è una sorta di "medium", non inteso "spiriticamente", ma come mezzo per far affiorare eventi che diversamente non affiorerebbero.
Ne esistono di diversi tipi, visivi, auditivi e cenestesici.
Cito i più famosi: Edgar Cayce e Gerard Croisette
"Gerard Croisette
Olandese di nascita nacque da padre e madre girovaghi e affidato ben presto a diverse famiglie adottive. Nella solitudine in cui si trovò a vivere senza affetti e amore sviluppò subito le sue facoltà sognatrici. Fu salvato bambino, mentre stava per affogare e quando cominciò ad esercitare le sue facoltà di chiaroveggenza, si trovò ad investigare in aiuto alla polizia olandese nel ritrovamento di persone scomparse; e in particolare a localizzare i corpi di bambini annegati in fiumi o laghi. Celebre il caso di quando nel Tirreno individuò il relitto della nave affondata colà ben 120 anni prima, in cui trovò la morte lo scrittore Ippolito Nievo. Durante la grande guerra fu deportato insieme alla sua dì famiglia di allora, ebrea, al campo di concentramento di Dachau. Fu dopo la fine della guerra, nel 1945, che cambiò la sua vita. Incontrò lo studioso di PP il prof. Carl Tenhaeff, in una sua conferenza sulla parapsicologia e il professore fu colpito dalle eccezionali facoltà medianiche del Croiset. Gli propose di sottoporsi ai suoi esperimenti, ed egli accettò."
(Preso da Internet)

"EdgarCayce
Divenne noto con lo pseudonimo di profeta dormiente proprio perché dava le sue letture profetiche entrando in uno stato catalettico profondo. In quello stato di ipnosi autoindotta, Cayce rispondeva a tutte le domande che gli si poneva: da quelle mediche a quelle di carattere profetico. Al termine delle letture Cayce asseriva di non ricordare nulla di quanto riferito ai presenti mentre era in stato di trance, nel quale riusciva a fornire diagnosi e cure di carattere medico, utilizzando peraltro un linguaggio degno di un docente di medicina, pur essendo un uomo di modesta cultura nello stato cosciente. Anche il New York Times, si è occupato del suo caso, fornendo una testimonianza sconcertante delle sue capacità.[ Cayce accettava compensi di denaro spontanei e non riusciva a fare più di tre letture al giorno, ragione per cui non divenne mai ricco. Tuttavia è stato senz'altro il 'profeta' più prolifico, in quanto a documentazione prodotta, essendosi sottoposto per oltre 40 anni alle letture richiestegli, moltissime delle quali trascritte grazie ad una stenografa che seguiva la quasi totalità di esse."

Diversamente da Edison, Marconi, Einstain, ed altri famosi creativi i due "ricettivi" citati, sono stati analizzati e studiati dai più importanti ricercatori del mondo.
Ma senza obbligatoriamente citare questi personaggi, ogni essere umano è dotato chi più e chi meno, di una delle due qualità.
Sta a noi scoprire se apparteniamo ad una o all'altra.
Con l'invito di compiere una rigorosa ricerca vi saluto caldamente.

Paolo Oddenino Paris

 

Tratto da Facebook all'indirizzo: Istituto di Crescita Personale

Vedi anche: http://www.crescitapersonale.com/

Vota:
Il gioco delle regole: i valori
La sacralità del tempo presente

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi