Quali Parole Spendiamo?

Ciao a tutti! Sono Eleonora. Rientrando da uno straordinario week end di formazione ho maturato il profondo desiderio di tenere un diario in cui condividere argomenti e spunti di riflessione che spero di tutto cuore possano esservi utili quanto lo sono stati a me.

In questi giorni, lavorando in aula, ho particolarmente riflettuto sull'importanza della sponsorship.

La parola sponsor deriva dal latino spondere (promettere) ed era utilizzata per indicare una persona che si era assunta la responsabilità del benessere spirituale di un'altra.

Nel coaching lo sponsor sostiene la crescita e il cambiamento personale del cliente a livello di identità. Il senso dell'identità di una persona è legato a chi una persona percepisce d'essere e il suo valore è nettamente più profondo rispetto ai suoi valori e alle sue convinzioni.

Lo sponsor è chi ti riconosce e attesta (ovvero vede e approva) delle caratteristiche essenziali offrendoti condizioni, supporti e risorse che ti permettano di esprimere e sviluppare al massimo le tue capacità e attitudini. Lo sponsor è quello che vede in Te ciò che tu non vedi e ti sta accanto come tuo punto di riferimento.

Lo sponsor c'è! Anche e soprattutto nei momenti di difficoltà. E' proprio in questo che si distingue da un tifoso: corrono tutti a congratularsi per i tuoi successi, ma quando "le cose non vanno" i tifosi si dileguano e gli sponsor ti sostengono.

William James dice: "fa' ogni cosa come se facesse la differenza" e io credo che essere lo sponsor delle persone che amiamo, delle persone in cui crediamo faccia davvero la differenza! Basta una parola, basta un "sei importante", un "sei unico", un "credo in Te"... Non è questione di quante parole spendiamo, ma di quali!

Vi lascio con una citazione che credo sintetizzi magnificamente il concetto di sponsorship.

"Mio padre mi ha dato il dono più grande che si possa dare ad una persona, ha creduto in me."

(Jim Valvano)

Un abbraccio e a presto

Eleonora

www.eleonorabugane.it

Vota:
Nikola Tesla - il futuro appartiene a ME
Ode al fiore azzurro

Related Posts

Commenti 1

 
Giulio Trevisan il Mercoledì, 28 Settembre 2011 11:46

molto bella la tua esperienza! :D Proprio a questo proposito un Maestro una volta mi ha consigliato di condividere con molta cautela qualsiasi progetto avessi, perchè le persone possono facilmente (anche in modo involontario) ostacolare e insinuare convinzioni di fallimento. Lo "sponsor" lo riconosci perchè no ti giudica, e non cerca di importi al sua visione, ma ti sostiene incondizionatamente rispettando ciò che scegli di essere.

molto bella la tua esperienza! :D Proprio a questo proposito un Maestro una volta mi ha consigliato di condividere con molta cautela qualsiasi progetto avessi, perchè le persone possono facilmente (anche in modo involontario) ostacolare e insinuare convinzioni di fallimento. Lo "sponsor" lo riconosci perchè no ti giudica, e non cerca di importi al sua visione, ma ti sostiene incondizionatamente rispettando ciò che scegli di essere.

Accedi