Oltre la paura.

Siamo nati con lo svantaggio di essere controllati dagli Déi che ci hanno generato attraverso manipolazioni genetiche, e lo fanno condizionando i nostri sogni, perché la nostra Vita è un Sogno. Le nostre menti servono a sognare, tutta la nostra vita non è altro che un Sogno all'interno di una cornice di materia. La cultura di un popolo è un Sogno sognato da molte persone contemporaneamente.


L'essere umano tende a prendere tutto sul piano personale e se gli viene fatto qualcosa lo vive con un senso di ingiustizia, e questo crea un veleno emotivo che si esprime attraverso la tristezza, la gelosia e la paura. Tutto questo porta a ferire gli altri, nel momento in cui la ferita viene attivata da una parola, un'azione, un gesto. Quando questo accade si hanno il giudice, la vittima ed il sistema di credenze che formano un unico parassita nella nostra mente. Il parassita è un essere vivente fatto di energia eterica che per sopravvivere si deve nutrire delle emozioni negative prodotte dal cervello. Sono le emozioni provocate dalla paura, dalla rabbia, dalla gelosia, dalla tristezza, dalla depressione e dal sentirsi vittima. Il parassita controlla il Sogno, creandone uno di paura, di incubo, per avere il dominio sul cervello che è la fabbrica delle emozioni.

Esso controlla la produzione di emozioni umane che gli sono necessarie per sopravvivere. Così facendo il cervello smette di produrre le emozioni utili alla crescita dell'Anima, cioè le emozioni che provengono dall'Amore. L'unico modo per resistere alla coercizione del parassita è accorgersi che esiste, perché inevitabilmente le nostre emozioni attrarranno elementali che si nutriranno di energie basse e questo ci manterrà ancora di più in uno stato di disagio e di svuotamento energetico.

Senza resistenza non può esistere dolore.

[Artist unknown]

I due strumenti principali per sviluppare la Padronanza della Trasformazione sono l'agguato e l'inventario (ricapitolazione).
L'inventario è legato al passato, è la capacità di usare la memoria per andare nel passato e sistemare le situazioni insolute.
L'agguato è legato al momento presente, è l'arte del libero arbitrio, delle scelte e del rischio. E' la capacità di cercare di essere sempre nel momento presente. Esso porta ad essere responsabili delle nostre azioni, ad essere consapevoli del perché facciamo determinate scelte, siamo svegli e attivi nel nostro Sogno, non semplici spettatori passivi.


In tutto questo processo dobbiamo inserire l'addomesticamento, perché la nostra mente è stata programmata dal 'Sistema' a pensare, credere, agire in un determinato modo. Ci è stata assegnata la nostra posizione nel Sogno, ma non è detto che sia quella corretta. I nostri occhi sono dominati dal modo in cui giudichiamo. Occorre prendere coscienza che il nostro Sogno e la nostra posizione in questo Sogno sono il risultato di ciò che crediamo di essere. L'unico sistema per poter vedere a che punto è la nostra trasformazione interna e quanto abbiamo compreso del nostro Sogno, è osservare l'ambiente attorno a noi, se si è trasformato ed è rispondente ai nostri desideri significa che stiamo prendendo padronanza sul nostro Sogno, siamo noi a decidere!

Resurrezione significa svegliarsi dal Sogno!

E' importante imparare l'arte dell'agguato e per poterlo fare occorre rendersi conto che la ragione immagazzina un'imponente quantità di energia, ed è da essa che traggono nutrimento molti sistemi organici ed inorganici esistenti attorno al livello della consapevolezza umana. Fino a che l'uomo non si rende conto di tutto ciò, resta imprigionato e vita dopo vita (karma) è manipolato e controllato dal Sogno collettivo e non ha possibilità di evoluzione.


L'unico modo per uscire dalla sofferenza è trovare il coraggio di cambiare il nostro gioco e la nostra posizione, lasciando andare ciò che non ci corrisponde più, facendo attenzione alla paura del cambiamento, la quale ci ancora a vecchi schemi.
In ogni essere umano c'è forte il senso del possesso, dell'attaccamento: oggetti, persone, affetti, corpo fisico... Proviamo ad immaginare che il padrone del nostro corpo e di tutto ciò che possediamo sia l'Angelo della Morte, lui ci ha solo prestato tutto ciò che abbiamo, quindi ciò che possiamo fare è solo onorare ed utilizzare con coscienza tutto quello che apparentemente possediamo, ma con la consapevolezza che lo abbiamo solo in prestito e quindi non ha senso attaccarsi ad un qualcosa che sappiamo esserci stato solo prestato.

Quando non si ha più nulla da perdere, tutto cambia, possiamo vivere per il piacere di vivere.

Non abbiamo biSogno di proteggerci da nessuno, è necessario proteggerci solo da noi stessi, perché diventiamo vulnerabili solo quando il nostro ego viene messo in discussione. Chi progressivamente diventa Maestro del proprio Sogno è in armonia con la famiglia, si trova bene nel suo ambiente, si diverte a vivere ogni giorno, perché non ha biSogno di litigare per difendere il suo ego. Utilizzare l'agguato significa distaccarsi, osservare cosa ha scatenato un sentimento di rabbia, odio, rancore o altro, e cercare di vedere quale aspetto egoico si sente "attaccato" e in modo obiettivo trovare la soluzione per trasformare e portare consapevolezza e lucidità in noi stessi. L'agguato è una valutazione dell'energia personale e un allineamento dell'energia spirituale.


Abilità e controllo significano rimanere immuni al veleno delle altre persone, sono consapevole che qualunque circostanza accada, doveva accadere, perché se mi trovo in una situazione spiacevole io l'ho pensata, e quindi materializzata. Aver acquisito padronanza significa non prendere più gli eventi in modo personale. Attraiamo a noi persone e situazioni che ci possono guarire, in modo da tornare all'Unità, se guardiamo al di fuori di noi, vedremo che ciò che viviamo risuona con le ferite che dobbiamo curare e trasformare.
C'è un passo della Bibbia che dice: "Egli venne da solo e nessuno lo ricevette", e nella tradizione Tolteca corrisponde al concetto che "la Luce della divinità giunge a noi e noi la resistiamo restando nel mondo dell'illusione".

  • Essere – sentire ciò che c'è da sentire
  • Fare – praticare l'arte dell'agguato e della trasformazione
  • Avere – vivere l'esperienza della vita affinché ci porti a realizzarci


La vera Consapevolezza, il nostro Risveglio dovrebbe portare la nostra Essenza a vibrare come un Angelo. Quest'ultimo è un essere di Luce che trasporta l'informazione dal centro della nostra galassia ad altre dimensioni, da stella a stella, dal Sole ai pianeti. I nostri corpi, che ci appaiono solidi, sono in realtà fatti di luce condensata; siamo dei contenitori di Luce, siamo fatti esattamente come gli Angeli. Siamo esseri colmi d'informazione che giungono sulla Terra sottoforma di Luce.

Ogni individuo è energia in movimento.

Don Miguel Ruiz.

http://www.raphaelproject.com/femme/oltre_paura.htm

Vota:
L'enneagramma
La Rivoluzione Interiore Individuale per il Cambia...

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi