L'Iniziato

E' bello essere collegati ad una tradizione millenaria. T fa sentire parte di qualcosa di più grande di te. Questo perché essere un Iniziato alle volte (quasi sempre, per la verità) ti fa sentire terribilmente e irrimediabilmente solo.

A parte tutti i pipponi sul fatto che siamo comunque e sempre soli e che, come diceva De Andrè in una sua famosa canzone, "quando si muore si muore soli". Vero, ma gli esseri umani non iniziati ad alcuna tradizione spirituale pensano di avere qualcosa in comune con altri: si aggregano in gruppi di vario genere, sposano una qualche ideologia, combattono per qualcosa o semplicemente vanno alle feste e si ubriacano in gruppo. Non che un Iniziato questo non possa farlo. Solamente che col passare del tempo sviluppa un senso che lo porta a non farsi coinvolgere, ad osservare più che partecipare, anche se apparentemente è un individuo uguale a tanti altri.

E allora fa calore nel pancino sapere che quello che fai da anni, esercizi, meditazioni, sforzo per uscire dal quotidiano, impegno per assumersi la totale responsabilità di te stesso e delle tue scelte, è quello che hanno fatto migliaia di ricercatori dell'ignoto prima di te; senti che in qualche modo misterioso scorri dentro a una corrente, e quella corrente scorre in te e lentamente ti trasforma in un nuovo tipo di essere umano, una sorta di versione 2.0.

Non fraintendete, non c'è spocchia in questo, non esiste sentirsi meglio degli altri: c'è solo un grande senso di gratitudine, innanzitutto nei confronti di te stesso, per esserti concesso di superare tutti questi limiti. Poi nei confronti del Maestro, il tuo anello di congiunzione con il Potere. Infine nei confronti di tutti quelli che sono entrati a far parte di questo flusso di folli, che hanno sfidato tutto, la norma, se stessi, la cultura, le convinzioni e le convenzioni.

Per uscire trasparenti e limpidi come una stellata invernale. Poi trascendere anche quella, ed essere, finalmente, un punto di Consapevolezza nel Vuoto Silente dell'Infinito.

Vota:
Il Segreto Iniziatico
La mappa e il territorio

Related Posts

Commenti 2

 
Mike Mentzer il Martedì, 24 Gennaio 2012 12:17

se il sistema si nutre si gente "malata",troviamo il nostro benessere interagendo con gli elementi della vita ed esso cesserà di esistere.

se il sistema si nutre si gente "malata",troviamo il nostro benessere interagendo con gli elementi della vita ed esso cesserà di esistere.
laura bartorelli il Venerdì, 20 Aprile 2012 11:52

Ri-Conoscere la nostra Solitudine è un momento di accettazione fondamentale sulla Via della Meditazione...

Ri-Conoscere la nostra Solitudine è un momento di accettazione fondamentale sulla Via della Meditazione...

Accedi