Giuliana Conforto: La Nascita Dell'Uomo Nuovo

Cap. 11 del libro di Giuliana Conforto
"La Futura Scienza di Giordano Bruno e la nascita dell'uomo nuovo",
 http://www.giordanobrunoscience.com

L'uomo è divino. Ogni singolo cervello umano è unico, diverso ma simile a quello degli altri umani. Le potenzialità del cervello sono quasi tutte inesplorate e non ancora attivate. L'uomo non ha limiti se non quelli nei quali vuole credere; anche le risorse umane sono infinite, senza limiti. Perché l'uomo crede nei limiti tanto da combattere e uccidere il prossimo, da sfruttare le risorse naturali senza alcun riguardo per la natura dalla quale peraltro dipende?

Bosch bologna orizz

L'uomo oggi è uno schiavo, anche se vive nel così detto mondo civile e se gestisce una qualche forma di potere; comunque ogni attimo della sua esistenza è regolata da ritmi predeterminati, ansia, impegni, oneri, abitudini che non lasciano spazio al gioco, al sogno, all¹amore vero. Il sistema è controllo che rende tutto una merce; non solo il sesso, ma anche lo sport, l'arte, la musica, la letteratura, il teatro sono le espressioni della creatività umana condizionate e costrette nelle feroci maglie dal sistema. In verità era tutto previsto:

"..... Le tenebre si preponeranno alla luce, la morte sarà giudicata più utile che la vita, nessuno alzerà gli occhi al cielo, il religioso sarà stimato insano, l'empio sarà giudicato prudente, il furioso forte, il pessimo buono.....".

Oggi le guerre non accennano a diminuire, i disastri ecologici continuano, i prezzi del petrolio aumentano sempre più, e così pure la forbice tra ricchi e poveri, abbienti e diseredati; c'è un'ingiustizia profonda e diffusa che questa società non può né vuole colmare. Questo mondo non ha futuro: è in corsa precipitosa verso l'auto-distruzione. La sofferenza umana ha raggiunto un apice così acuto che si trasforma in cinismo e indifferenza; i telegiornali sono una sorta di bollettini di guerra, anche quelli del mondo così detto civile, ove l'aria è irrespirabile, il ritmo dell'esistenza è sempre più caotico, l'ingiustizia, il carico fiscale, gli oneri, le spese e la fatica quotidiana anche. La criminalità e la corruzione dilagano, governi di tutto il mondo non esitano ad uccidere uomini inermi, le varie industrie chimiche, farmaceutiche e petrolifere inquinano e producono veleni che distruggono l¹ambiente naturale dal quale dipendiamo.

Non stupisce che la natura dia il suo contributo con terremoti, tornado, cicloni, clima impazzito, epidemie, incidenti e cioè con una serie di fenomeni che non sono legati tra loro, garantiscono gli esperti i quali ignorano l'esistenza delle forze universali che penetrano ogni atomo e superano qualsiasi confine, nonché il fatto che la terra è un organismo vivo e forse è stufa di questa microflora batterica, nociva e cancerogena che è l'attuale società umana civile.

 "...Finché il numero degli stolti e perversi è incoparabilmente più grande dei sapienti e dei giusti.... Se voglio remirare alla gloria, è da stimar molto meglio il silenzio che il parlare ...Ma se fo conto de l'occhio de l'eterna veritade... accade ch'io tanto più mi forze a fendere il corso dell'impetuoso torrente.. "

(da Lo Spaccio de la bestia trionfante di Giordano Bruno).

L'impetuoso torrente è la Vita, la vera Luce che oggi si rivela in modo prorompente agli occhi dei sapienti e giusti: film, messaggi, libri, sensazioni interiori, sogni, UFO, cerchi nel grano, contatti di I, II° e III° tipo sono segni di una verità rivelati a tutti, ma che non trapela dai media ufficiali e che pochi comprendono. Pochi? Si pochi, ma non così pochi quanti quelli al servizio del governo ombra che ha dominato finora e tende con tenacia a perpetuare l'inganno e alla globalizzazione.

Quale realtà? La coscienza dell'osservatore dà realtà al mondo osservato: è la metafisica di Giordano Bruno e non solo; è anche il principio basilare della fisica quantica, noto come principio di Heisenberg. Questa realtà sociale e politica non è un destino crudele, voluto da un Dio che sembra avere da millenni solo un interesse morboso per il sesso degli uomini; neanche è realtà oggettiva, indipendente dai buoni, da sante chiese e governi che, pur gestendo la politica internazionale, assistono impotenti alla "crudeltà" e alla rabbia degli uomini cattivi. La realtà sociale, politica di questo mondo è il riflesso della mentalità duale, del dualismo di cui tutti siamo responsabili. Il mondo cambia se l'uomo cambia e, se si smorza la mente duale, afflitta dalla paura e causa di questa realtà divisa. La realtà dipende dal modo di percepirla e interpretarla dei soggetti: quali soggetti? Se sono uomini colti, politici, dirigenti o intellettuali insensibili alle emozioni e quindi a quella mole interna che è ben il 99,5% del tutto (Cap. 1), questi soggetti sono comunque parte dello stuolo degli stolti e perversi pronti a giudicare, dettare norme, educare, predicare bontà a parole e a odiare od ignorare, nei fatti, chi invece è sensibile e capace di vivere l'invisibile 99,5%.

La realtà vera è molto più vasta, ma gli stolti e perversi, in numero incoparabilmente più grande dei sapienti e dei giusti, non vogliono accettarlo e riconoscerlo: perderebbero il loro potere e, soprattutto, quei canoni del pensiero con i quali si sono identificati. C'è una congiura del silenzio che nasconde in automatico notizie su alieni, astronavi, UFO, esperienze di premorte, sapienza di antiche civiltà, esistenza di altri mondi vivi e intelligenti parte del 99,5% "oscuro" che in verita' e' solo nascosto dal campo elettromagnetico (e' questo campo la grande, drammatica illusione dell'umanità) Aspettarsi che i tanti "stolti e perversi" cambino è un¹illusione e un alibi per evitare di assumersi la responsabilità diretta di questo inferno. Che possono fare allora i pochi "sapienti e giusti" che vogliono un mondo umano nel vero senso della parola? Possono fare molto: intanto comprendere che i limiti non esistono. Le risorse umane sono infinite: ciascuno possiede abilità, intelligenza e potenzialità nascoste: osservarsi, riconoscerle, attivarle e metterle al servizio dell'evoluzione è la via verso la coscienza di sé, un capitale che non si può sfruttare ma che dona all'uomo ciò di cui ha più bisogno: la verità e la possibilità di esprimersi per quello che è.

La via è conosci te stesso, ha detto Socrate (469-399 a. C.). Le vie sono quindi tante quanti sono i sapienti e i giusti che vogliono diventare soggetti attivi e partecipi all'evoluzione. L'unico mezzo è l'Amore che è verità, non bontà ipocrita; il modo è essenziale, ma non basta; serve anche il moto cioè l¹azione mossa dalla Volontà di evolvere. Sapere non basta. Il peggior ostacolo all'evoluzione è credere di esserlo: imboccare la via significa operare con la coscienza di essere l'artefice e il protagonista della propria realtà; sviluppando le proprie capacità e potenzialità latenti. In questa ricerca individuale, il sapiente e giusto si alimenta di quella risorsa infinita che è l'Energia della Vita, all'interno di sé, fa propria quell'arte di vivere con verità, sincerità, semplicità, trasparenza, sviluppa quei sensi interiori che lo guidano verso mète straordinarie, ben diverse da quelle che egli stesso riesce ad immaginare.

Lungo la via serve la fede in sé, la religione civile che deriva dal termine latino "religere" cioè ristabilire il ponte tra la personalità falsa, impazzita e la vera identità, eterna dell'uomo, il suo corpo di luce. Il ponte in verità c'è già, basta diventarne coscienti; coscienza è la religione civile e naturale, che Giordano Bruno descrive ne Lo Spaccio de la Bestia Trionfante: Scienza sacra che risorge dall'antica sapienza e salda insieme leggi, opere e costumi, fisica e metafisica. L'uomo nuovo è colui che si libera dalle proprie catene mentali, paura, vil rabbia, iniquo zelo, impotenza, servilismo, dipendenza; è libero da qualsiasi paura, anche da quella economica e finanziaria che oggi è il freno maggiore. Lo sviluppo della religione interiore, una sensibilità più ampia che oggi molti stanno maturando e, con questa, la capacità di riconoscere e risolvere i propri problemi modificando la causa: inerzia che riproduce gli stessi modi di agire.

La religione civile interiore è coniugare insieme i due principi, attivo e passivo, per compiere l'opera, passare dallo stato di creature impotenti a quello di creatori protagonisti della realtà; essere vivido foco, vivere la trasparenza del corpo biologico a quello di luce, l¹unità con la propria essenza immortale che non è un'idea, né una morale o religione, ma uno stato fisico e biologico del corpo umano; uno stato che può essere acquisito o, novità di oggi, innato. Oggi stanno nascendo o sono già nati i membri della nuova specie umana cosciente; lo dicono film, messaggi interiori, libri, sogni, segni e segnali sempre più diffusi anche se ignorati dai media. Siamo prossimi all'alba della nuova era. La vera identità umana è il corpo di luce che abita la regione della luce, quella che oggi alcuni chiamano "fascia fotonica", usando un altro nome improprio, secondo me. La regione della luce è un universo di Luce pesante, uno scintillante ologramma, dotato di massa e composto dalle tre particelle che i fisici chiamano "bosoni vettoriali". La scienza ortodossa non dovrebbe negare la sua esistenza visto che li ha persino rivelati in laboratorio, ma purtroppo lo fa perché pretende di credere che quello visibile sia l'unico mondo esistente (cio' e' smentito dalle sue stesse ricerche, Cap. 1).

La regione della luce è una banda di energia superiore a quella della materia visibile, ma non separata da quella visibile a bassa energia: "c'è un unica Forza, l'Amore, che lega infiniti mondi e li rende vivi" scrive Giordano Bruno. La Forza è quella che la fisica chiama "debole"; e' la Forza che discende dalle alte alle basse energie, come dimostra e "dimentica" oggi la stessa scienza e comprende la Vera Luce, la Luce pesante; Luce ben diversa dalla falsa ed illusoria luce elettromagnetica alla quale tutta la scienza ancora crede.

La Terra cristallina 

Ogni concepimento è come accendere la Luce pesante, innescare il contatto tra due mondi: uno superiore in energia, composto da Luce pesante, la regione della luce, e quello umbratile che vediamo, composto da materia fatta di atomi. Il concepimento è l'inizio del contatto, della "discesa" del messaggio genetico o vitale, così come la morte è la fine del contatto stesso. Il corpo di luce è immortale, ma quando è in contatto con quello fisico, cade nell'illusione delle apparenze (del campo elettromagnetico che trasmette le immagini). Noi essere umani siamo in questo mondo ma non siamo di questo mondo; siamo alieni domestici: il corpo di luce "alieno", penetra, dà vita e movimento a quello biologico terrestre che si forma nell'utero materno. I corpi sono tutti simili nella forma, ma nella sostanza sono molto diversi. I corpi di luce sono come i colori di un arcobaleno, ciascuno con una frequenza e, per legge di natura, un'energia propria; le risorse interiori, i ritmi, modi di pensare e di agire sono quindi molto diversi; possono provenire da esperienze e appartenenze a popoli diversi. La "coabitazione torbida", come dice Giordano Bruno, del corpo di luce con il corpo biologico nasconde la sua vera identità. Incarnarsi sulla terra è però la possibilità straordinaria di servire all'evoluzione dell'Essere Cosmico, quindi quella di tutte le specie cosmiche, nessuna esclusa. "Dietro" o "dentro" un corpo fisico umano si possono quindi nascondere:

1) Gli Eterni, i creatori che vivono il mondo reale e forse partecipano o si riconoscono nella così detta Confederazione InterGalattica, una sorta di ONU cosmica, efficace e autorevole, però. Gli Eterni incarnati sul pianeta sono i sapienti e i giusti legati al lato luminoso della Forza. Erano 144.000, secondo l'Apocalisse di Giovanni, ma oggi sono cresciuti, forse decine di  milioni, alcuni già risvegliati altri prossimi al risveglio. Sono o potrebbero essere gli "eletti" o "jedi": non un privilegio, ma un arduo e duro compito che può servire a tutta l'umanità.

2) Gli dèi falsi e bugiardi, eterni caduti nel lato oscuro della Forza (il lato oscuro della Forza è la luce elettromagnetica). Dominano la cultura planetaria con la così detta "educazione", la conservazione dell'ortodossia, la condanna dell'eresia: possiedono i media e con questi mantengono oggi la schiavitù; alimentano le masse con ignoranza, rabbia e paura e, pochi privilegiati, con lauti stipendi, garanzie, privilegi inauditi. Sono alleati del governo ombra, guidato da Lucifero. Inizialmente il potere di Lucifero non era così perverso: il dolore che egli procura porta luce, serve a comprendere il messaggio della Vita; il nome Lucifero significa infatti portatore di luce. Tuttavia il governo ombra lo ha dimenticato e sta ora tentando di mantenere il potere con qualsiasi mezzo. L'ombra di Lucifero è Satana, mentre il suo aspetto luminoso si fonde con il Padre. Lucifero è il campo nucleare dentro ogni corpo (vedi LUH)

3) "Terrestri", eterni, ma nati e rinati tante volte su questo pianeta da cancellare la memoria delle loro origini cosmiche: "addormentati", ma comunque liberi e capaci di operare con verità e rispetto dei sentimenti, se non si lasciano sopraffare dalla paura. Una suddivisione analoga vale per le specie aliene, nel senso comune della parola, cioè per gli umani o umanoidi che non hanno un corpo fisico: costoro stanno ora cercando di entrare in contatto con i loro simili incarnati sulla terra e di risvegliarli, ma i "terrestri" non li riconoscono e li temono, perché la mentalità comune imposta da qualsiasi governo o fonte ufficiale del pianeta, è quella di negare il più a lungo possibile la loro esistenza. Così verso i misteriosi "alieni" c'è, come sempre, un atteggiamento duplice; c'è chi li crede fonte di salvezza e chi li dipinge come mostri pericolosi e crudeli che vogliono invadere la terra. In verità siamo tutti parte di un unico Organismo cosmico e il Gioco dell'evoluzione si gioca qui, sulla terra: gli "alieni" evoluti non incarnati osservano e intervengono per aiutare l'evoluzione. Quelli meno evoluti fanno rapimenti, sono alla ricerca di sperma e ovuli umani e sono estremamente interessati nella riproduzione sessuale umana; hanno perso il contatto diretto con la Forza, non riescono più a riprodursi e temono l'estinzione. Alcuni, in genere i loro capi, riescono ad incarnarsi e accedono quindi alla possibilità di evolvere e così aiutare i loro simili.

La differenza tra "alieni" e "terrestri" è che i primi vedono la realtà com'è veramente, si riconoscono e collaborano; i secondi sono immersi nell'illusione e si odiano; l'identità dei "terrestri" è nascosta in un corpo biologico. In fondo è questo il trucco dell'Essere Cosmico per evolvere: nascondersi per poi ritrovarsi ad un livello superiore di complessità. L'unico modo quindi per aiutare il proprio popolo "alieno" che forse ha tentato un contatto è per un "terrestre" compiere l'opera, per cui è stato creata la terra: una scuola per l'evoluzione genetica che prevede due esami di maturità: la resurrezione del corpo e l'ascensione, ci è stato mostrato pubblicamente, duemila anni fa, cioè la vittoria della materia sulla forza gravità. Chi sarà capace di superare i due esami? Tutti quelli che lo vogliono e rispettano la verità interiore: la volontà è il "padre" l'azione umana che si fonde con la saggezza della "madre", la materia, e così genera il "figlio dell'uomo", l'evento atteso.

Dobbiamo ricordare che il pianeta terra, come lo conosciamo, è solo una Stagione del pianeta: è l'Inverno Cosmico, la banda di energia o frequenza più bassa, la fase più fredda. Il pianeta Terra si alterna su diverse stagioni cosmiche: l'Inverno è la fase che fa apparere la terra isolata dagli universi paralleli, ma non lo è. Sin dall'inizio dell'Inverno Cosmico, circa 13 mila anni fa, vari "alieni" sono discesi in questa fase, provenienti magari da sistemi stellari quali Orione, le Pleiadi, Andromeda che sono in realtà stargates, porte tra l¹universo visibile e gli universi invisibili. Subito dopo la "discesa" ricordavano, ma poi hanno dimenticato.


Roma, caput mundi

Il ceppo originario protagonista della storia occidentale terra proviene da Atlantide, cioè dalla Terra, ma dalla sua stagione più calda. La precedente tappa per alcuni Atlantidei era la stella Sirio: costoro costruirono le piramidi e la Sfinge, ben prima dell'inizio della civiltà dell'antico Egitto. C'è sempre stato un legame diretto tra le tre stelle Sirio e la civiltà occidentale che si sviluppò dapprima nell'Antico Egitto, poi nell'antica Grecia e quindi a Roma divenuta il polo della cristianità. E' probabile che alieni domestici come Ermete, Platone, Pitagora, Socrate, Giordano Bruno giungessero qui provenienti direttamente da Sirio; non a caso hanno tutti applicato, trasmesso e coltivato la stessa sapienza che unisce scienze, arti e religioni.

L'antica Roma fu fondata dagli stessi eterni o esseri divini che avevano fondato prima la civiltà egiziana. All¹inizio sorse come il cuore di un grande impero civile che aveva ereditato la cultura di Egitto e Grecia progressivamente si è trasformato. Il suo picco fu all'epoca di Gesù. Dopo circa tre secoli l'impero romano declinò, ma non sparì veramente; si trasformò in un impero "sacro" cattolico che ha di fatto governato la vita civile di tutti i paesi occidentali sin da allora; ha tessuto quella mentalità che è oggi il modo comune di coniugare il pensiero: il grande dono dell'uomo, il pensiero è stato trasformato nella sua condanna quotidiana all'infelicità. La mente umana è stata "divisa" dal sesso, la ricerca di Dio confusa con filosofie, dogmi o norme morali.

Il "divide et impera" dell'antico impero romano è diventato quello di ogni singolo cervello umano che così ha eretto la menzogna a metodo di vita. Il "sacro" romano impero ha anche coltivato la corruzione, l'ipocrisia, morale e costumi ben diversi da quelli originali. Roma è oggi una bella e caotica città, meta di "pellegrinaggi" più per turismo che una ricerca autentica di Dio; purtroppo l'illusione che la chiesa sia il pilastro di una morale dettata da "dio" continua. Roma è ancora caput mundi, cioè la matrice della cultura della divisione tra uomo e dio, il buco nero del pianeta; per questo può diventare un buco bianco, cioè trasformarsi nel suo opposto e diffondere finalmente la verità infinita ed eterna. Roma si deve e può trasformarsi nel suo contrario, Amor; può maturare cioè lo scopo primo del piano genetico, amore in tutte le sue infinite espressioni.

La Primavera Cosmica sta riscaldando la materia nucleare che compone qualsiasi corpo, cambiando il rapporto tra le intensità delle due forze nucleari: la debole è più forte e la forte è più debole. La variazione è ancora minima, impercettibile per gli strumenti scientifici, ma potente per il corpo umano: rifioriscono l'eros e l'attenzione al corpo, è evidente una maggiore libertà di costumi e anche che la "morale" pubblica, determinata dalle religioni, sta mostrando il suo volto ipocrita. Basti pensare agli scandali della famiglia reale britannica o a quelli del presidente Clinton, condannato per il sesso orale con la Lewiski, ma applaudito per la guerra nel Kosovo. La forza debole non è debole, ma quando lo capiranno?

Gli scienziati lo registrano come riscaldamento globale del pianeta, ma ignorano le sue cause, previste e annunciate da tutte le profezie. Il calore della Primavera è quello della Vita, la Forza cosmica "debole", l'Amore cosmico che si sente e non si vede. E' l'Amore per la verita' che ci consente di andare con il corpo là ove la comune immaginazione degli uomini ancora non arriva: compiere a livello collettivo quel processo, che Gesù Cristo ha compiuto a livello individuale due mila anni fa. Resurrezione ed ascensione del corpo fisico non sono "miracoli" ma processi che oggi si spiegano persino in termini scientifici oltre che semplici, come si può leggere nel mio precedente libro LUH.

Umanità e pianeta stanno attraversando un cambio di stato, sia fisico che psichico; è questo cambio che rompe il velo dell'illusione, il campo elettromagnetico, e fa emergere l'eterna realtà: la Terra Cristallina che già esiste da sempre. E¹ una rivoluzione di tutti gli schemi mentali che hanno determinato la storia umana su pianeta. Il cambio è un viaggio nel tempo alla ricerca di sé, un ritorno al futuro che fa risorgere un antico passato e una nuova Era: l'età dell'Oro. E' evoluzione genetica che implica la morte della personalità apparente o creatura impotente e la nascita dell'uomo nuovo il creatore, cosciente dell'unità cosmica e responsabile delle sue azioni. Il pianeta terra è oggi, ancora per poco, il teatro di una guerra che si manifesta anche attraverso le tante guerre che insanguinano il pianeta, la micro e macro criminalità. La vera guerra però è dentro; il "nemico" è la paura.

Alieni, terrestri o extraterrestri siamo tutti parte dell'Essere Unico e tutti con la potenzialità di diventare "vivido fuoco". Profezie e fantascienza sono l'espressione di un futuro che già esiste; antiche leggende e miti anche. La cultura umana è ricca di storie simboliche, metafore, parabole, che hanno risvolti profondi per la psiche umana; Edipo Re, Prometeo, Eros e Psiche, Orfeo e Euridice Iside e Osiride rivelano la vera sfida dell'uomo: la morte. Oggi molti film le illustrano magistralmente. Siamo alle soglie di una svolta senza precedenti nella storia umana: l'evoluzione della specie umana, l'emergere della coscienza che siamo tutti Uno e tutti immortali protagonisti di un Gioco Cosmico infinito. Possiamo diventare i protagonisti di una nuova era che rifletta l'armonia del creato, unità e libertà, l'utopia che nessun regime ha finora realizzato. Solo l'uomo nuovo, cosciente di sé, artefice consapevole e responsabile della realtà la potrà realizzare in modo reale e concreto.

La vera rivoluzione è individuale; è l'evoluzione della coscienza, per cui tanti eroi, nel passato, sono vissuti e morti in silenzio, dimenticati da un mondo che esalta solo chi cerca consenso, affermazione, seduzione, successo, cioè il lato oscuro della Forza. Una scienza aperta, nuova, non supina al potere che la finanzia, potrebbe spiegare la natura della Forza che non ha alcun bisogno di intermediari; non so se lo farà mai; questa vecchia scienza, asservita alla chiesa, che non spiega nemmeno i danni sempre più evidenti del campo elettromagnetico non serve per l'evoluzione. La Forza è la Vita che batte nel cuore, è il palpito delle emozioni; è comunione di ogni essere umano con il tutto; si esprime nel concepimento di un nuovo essere: semi, fiori, cuccioli, bambini. Forgia anche tutta la materia necessaria alla biologia nei nuclei delle stelle.

La Vita, è Verità, il tumultuoso torrente che oggi sta prorompendo gli argini, i confini presunti e donando a tutti quelli che lo vogliono l'Energia reale, infinitamente superiore in qualità a tutti i combustibili e risorse naturali del pianeta. L'uomo può comprendere l'infinito; il suo destino non è quello di viver come bruto, senza mai alzare gli occhi al cielo. Il "cielo" è dentro e oggi più che mai, l'uomo può ricevere la Sua infinita Energia; basta chiederla, sapendo che implica sincerità, verità, giustizia. I pochi giusti e sapienti possono trasformare il mondo, con il vantaggio di tutti gli uomini, nessuno escluso. L'Energia Vitale è così elevata che bastano pochi. La verità è "follia" rispetto ai credi e alle trappole di questo mondo. Il puro elogio della follia però non basta, non perché non sia giusto, ma perché le idee non bastano a cambiare il mondo. Sono necessarie azioni e progetti concreti. I pochi sapienti e giusti non sono tanto pochi e sono sparsi come il sale su tutto il pianeta; essere se stessi è l¹unico modo per ritrovare gli altri sullo stesso cammino di verità che rende liberi.

Chi sei? Forse anche tu ti senti un alieno, se aneli al rispetto, alla giustizia vera, alla comprensione e amicizia tra gli uomini. Tanto più alieno se i tuoi desideri, la tua sensibilità e le tue speranze più intime sono diversi da quelli che ti circondano e che invece si adattano, fanno carriera, si sistemano, si sposano, cercano soluzioni politiche per rimanere a galla ...

Forse osservi con stupore questo mondo, sempre più impazzito, che aggiunge dolore ove già ne esiste tanto e pretende di gestire la "civiltà", scatenando eserciti contro popolazioni inermi, richiedendo tasse, ignorando i bisogni più elementari e calpestando sentimenti, emozioni, sogni, azioni che non rientrano nel conformismo imperante. Forse guardi TV e giornali che diffondono notizie sempre più allarmanti e forse ascolti incredulo politici, scienziati e intellettuali, garanti del sistema che gettano acqua sul fuoco assicurando che tutto è normale; forse sei disgustato da una cultura che non spiega nulla dell'uomo, delle sue origini e significato, né della vita e della morte, ma che serve alla conservazione del sistema stesso. Senti che non funziona; sei rapito dal fascino della natura, dalla sua bellezza, oggi dalla sua inquietante e repentina trasformazione; hai ammirato il cielo, il sole le stelle e forse non sai che anche il cielo è in trasformazione altrettanto rapida, mostrando a chi sa leggerne i segni che tutto l'universo è diverso da ciò che finora l'uomo ha creduto.

Chi è l'uomo e chi sei tu che non ti arrendi a questa brutale "realtà quotidiana" ove la quantità domina sulla qualità, l'ipocrisia sulla verità, la paura di perdere sull'amicizia e il rispetto? Chi sei? Sei un cercatore? Ti senti estraneo, diverso, emarginato da una società retta da regole tanto rigide quanto assurde, in cerca dell¹amore che non trovi, di una giustizia che non esiste, osservando esterrefatto questo piccolo mondo dove si corre inesorabilmente ed inutilmente verso la morte? Sei uno che sin da bambino ha avuto sogni, messaggi, tracce, precognizioni, intuizioni che hanno costellato la tua vita, sentito un infinito all'interno che non trovi nella piatta e finita realtà esterna? Ti sei adattato, soffrendo, in uno o più dei personaggi che il copione terrestre ti ha offerto? Ti senti attratto dall'intelligenza e il coraggio di grandi, come Giordano Bruno?

Oggi puoi diventare ciò che sei: il protagonista immortale di una storia infinita e così contribuire all'evoluzione di tutta l'umanità verso un mondo di giustizia vera, pace, armonia, benessere, prosperità: coscienza. L'essere umano è un'unità. Non c'è alcuna divisione tra i suoi organi genitali e il suo cervello, né c'è tra gli uomini. Tutti respiriamo la stessa aria, beviamo la stessa acqua, ci nutriamo della stessa terra e ci riscaldiamo alla luce dello stesso sole; tutti cerchiamo la gioia, il benessere, la felicità, l'amore. Il pianeta anche è un unico essere vivente; una perenne e dinamica sinergia tra le sue rocce, mari e atmosfera; un delicato equilibrio tra i suoi regni minerale, vegetale ed animale ed il caldo alimento della luce solare hanno creato un giardino lussureggiante e ricco di ogni bene. Il sistema solare anche è un'unità, una pulsante e viva cellula cosmica, un'armonia alla quale partecipano il sole ed insieme tutti i pianeti, comete, asteroidi, è un'unità anche l'universo retto ovunque dalle stesse leggi fisiche che valgono anche per il sistema solare.

Questo mondo ove il crimine e la corruzione imperano è un inganno; è un film interattivo in 3D, nel quale sono immersi i nostri corpi, ma non la volontà che li muove, né l'intelligenza che li genera e li commuove. Oggi la scienza terrestre possiede tutti gli strumenti per spiegare la natura del film. Gli umani sono i protagonisti e anche i co-autori del film: finché la mentalità che lo domina è il dualismo, il film sarà sempre più tragico: guerre e tragedie umane nascono dalla convinzione che questa è la realtà, per di più dotata di risorse limitate: è questo l'inganno che l'uomo di coscienza può svelare.

La Primavera cosmica

Il film che chiamiamo storia umana, è solo uno dei tanti film che si sono svolti su questo scenario che è il pianeta terra. Descrive una società in cui il fratricidio è la norma che oggi la sta portando in modo sempre più precipitoso verso l'autodistruzione. Non è il primo né l¹ultimo film, ma avrà comunque una fine che non è la fine del mondo come alcuni vogliono far credere: sarà la fine della divisione tra creature e creatori, dell'inganno che ha reso questo film così tragico. Le creature possono divenire creatori, ricomporre l'unità con se stessi, se smettono di identificarsi con la personalità apparente, con i ruoli sociali e familiari che hanno svolto finora; solo così possono concludere il vecchio film dar inizio ad un nuovo, in sintonia finalmente con l¹Intelligenza che lo ha creato. Il mondo reale è Casa di cui sentiamo la struggente nostalgia e dove l'unica legge è l'Amore. Ebbene Casa non è un sogno perduto, di cui solo pochi saggi o profeti hanno parlato: è una realtà che oggi persino le scoperte della scienza terrestre ci aiutano a descrivere, ma non certo a comprendere il proprio ruolo.

Il mondo reale è anche la Casa di produzione del film interattivo: è là dove hai scelto di parteciparvi, decidendo di nascere sulla terra e conoscendo già da prima le linee principali del tuo individuale film. Perciò sei "caduto", precipitato entro questa realtà cibernetica, nel senso che hai trasferito la tua coscienza a questo mondo illusorio: così come fa un bambino che gioca al Computer e si identifica con un personaggio di un videogame. Il vero Essere che sei però è rimasto lì, nel mondo reale, tentando di guidare e di trasmettere messaggi alla sua creatura che invece spesso li ignora. Oggi siamo qui, personaggi del film, che dimenticano di cercare gli Autori cioè se stessi.

La Vita è eterna ed una: è Coscienza cosmica, Causa e Progetto di un'unità eterna che abbraccia infiniti mondi nel futuro, rispetto a quello che viviamo. Sebbene bui ed intrisi di sofferenza, millenni di storia non sono passati invano: sono serviti ad amalgamare i popoli, a creare quella rete di comunicazione che è essenziale all'unità delle culture, incluse scienze e religioni. L'unità è l'anelito profondo e anche libertà, la meta di tutte le ricerche vere.

La storia umana è solo una stagione cosmica, un inverno, necessario per il fiorire di una nuova Primavera cosmica e di una nuova e più evoluta coscienza. Il "ritorno al futuro" non è una società che ripete gli stessi drammi umani di oggi; è utopia, basata su una scala di valori che prevede il benessere di tutti, coscienza dell'unità, così a lungo celata. Non a caso oggi si può ricomporre la babele delle lingue. C'è un possente vento di verità e di libertà oggi che preme all¹interno di ogni essere umano e di tutta la natura, fino alle sue viscere più profonde. Sono molti i segni in cielo e in terra per chi ha cuore e orecchi per ascoltare: stiamo attraversando tempi eccezionali, la fine dei tempi che preludono la nascita dell'Uomo Nuovo e quindi una nuova Era, sebbene ancora pochi se ne rendono conto. Ebbene se sei tra questi pochi, sei uno capace di cogliere tracce che molti non sentono. La Vita sgorga dalle cellule che compongono il tuo corpo: può sembrarti confusa, apparirti come inquietudine, insofferenza per le assurdità e le follie di questo mondo, incapacità di adattarti a questa società.

Oggi molti hanno iniziato il viaggio di ritorno a casa, lottando e vincendo ogni giorno su se stessi, sfidando i propri limiti e così scoprendo che i limiti non esistono affatto. L'Io vero è la voce della coscienza o Volontà vera, eroica che si può trasformare in azione travolgente, diversa da quella dell'impotente e impaurita creatura; Volontà che può agire solo su te stesso e non alimenta la patetica pretesa dei tanti che si agitano per salvare il mondo. Questo mondo è illusione: puoi solo salvare te stesso dall¹illusione. Può sembrare curioso ma solo salvando te stesso puoi salvare tutti gli altri. In ogni corpo c'è un Cuore, ove si cela l'Intelligenza vera che genera il tutto, quell'Energia infinita che è la Vita. Il Cuore non è un'immagine, né il muscolo che pompa il sangue: è il nucleo di ogni cellula ove c'è il seme della Vita, il tuo codice genetico o DNA che comprende corpo o eros, mente e psiche.

Dal cuore delle cellule sta sgorgando il Fuoco Intelligente, l'aiuto del "cielo", la chiave che apre le porte della trappola e consente di ricevere tutto il patrimonio genetico, cioè tutti i geni del DNA. La trappola è lo stato opaco, amorfo e caotico della materia nucleare che compone il corpo umano; la stessa "trappola" è la causa di malattie e sofferenze inutili; perciò è necessaria la resurrezione del corpo, il transito ad uno stato cristallino che implica trasparenza alla Vita. Grazie all'Energia della Vita l'uomo, aperto e disposto a modificare i suoi meccanismi subconsci, può sciogliere i "lacci" che incatenano la materia più sofisticata della terra: la materia grigia del suo cervello; solo se libero sarà capace di riconoscere l¹inganno dei "nomi vani" di questo mondo e soprattutto farne uno nuovo, ricco dell'unica Forza, l'Amore.

Giuliana Conforto

Fonte: http://www.giulianaconforto.it/

 

Vota:
Il Culto dell'Immortalità o la Terra Celestiale
Verità supposte - Hugo Chávez

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi