La Cabala

[...]Nel mondo di Atman uno si sente un Uomo completo; qui l’animale intellettuale non è Uomo. L’Iniziato si sente colmo di immensa pienezza e lì, in quel mondo, è Uomo Reale nel senso più oggettivo. La sua parte negativa è il mondo fisico; il mondo di Atman è uno stato positivo. Lì una città si vede nella sua forma più reale; un tavolo, ad esempio, lo si vede da ogni parte: da sotto, da sopra, da dentro, da fuori. Lo stesso succede con una montagna. In una cucina si può vedere di quanti atomi è formato un coperchio, quante molecole contiene il pane o la carne che uno sta per mangiare. Non solo percepiamo i solidi in modo integrale, ma anche gli ipersolidi, inclusa la quantità esatta di atomi che nel loro insieme costituiscono la totalità di qualsiasi corpo. Se lo studente non è preparato rimane deluso perché troverà un mondo con il più crudo realismo: è il Mondo della Matematica. Lì si può vedere il dramma della natura ed uno ne può essere lo spettatore. Il mondo della matematica è il Mondo di Atman. Chi pensa è la mente, non l’Intimo. La mente umana nel suo stadio attuale di evoluzione è l’animale che portiamo dentro. Il concetto di Cartesio, “Penso dunque sono” è completamente falso perché il vero uomo è l’Intimo, e l’Intimo non pensa, perché sa. Atman non ha bisogno di pensare perché è Onnisciente. 

Il nostro Intimo è sì, sì, sì. La sapienza del nostro Intimo è sì, sì, sì. 

L’amore del nostro Intimo è sì, sì, sì.Quando diciamo: “Ho fame, ho sete,” e così via, stiamo affermando qualcosa di assurdo, perché l’Intimo non ha fame, né sete. Chi ha fame e sete è il corpo fisico. Sarebbe più corretto dire che il mio corpo ha fame o sete.Lo stesso succede con la mente quando diciamo: “Ho una forza mentale potente, ho un problema, ho quel tal conflitto, ho quella tale sofferenza, mi vengono alla mente tali pensieri”. Stiamo quindi facendo degli errori gravissimi perché queste sono cose della mente e non dell’Intimo. L’Uomo vero è l’Intimo e non ha problemi; i problemi sono della mente. L’Intimo deve flagellare la mente con la terribile frusta della volontà. L’uomo che si identifica con la mente cade nell’abisso. La mente è l’asino che dobbiamo montare per entrare nella Gerusalemme Celeste. Dobbiamo comandare la mente in questo modo: “Mente toglimi questo problema, toglimi questo desiderio, ecc. Non te lo permetto. Sono io il tuo padrone e tu sei la mia schiava fino alla fine dei secoli”.Ah! Povero è l’uomo che si identifica con la mente, perché perderà l’Intimo e cadrà nell’abisso! Quelli che dicono che tutto è mente, commettono un errore gravissimo perché la mente è soltanto uno strumento dell’Intimo. Tutte quelle opere che tendono ad identificare l’uomo con la mente sono vera magia nera perché l’Uomo vero non è mente. Non dobbiamo dimenticare che i demoni più sottili e pericolosi che esistono nell’universo si trovano nel mondo mentale.L’Intimo dice alla mente: “Non dire che gli occhi sono i tuoi perché io vedo attraverso di loro. Non dire che le orecchie sono le tue perché io sento attraverso di loro. Non dire che la bocca è la tua perché io parlo attraverso di lei. I tuoi occhi sono i miei occhi, le tue orecchie sono le mie orecchie, la tua bocca è la mia bocca”.Nei mondi interni possiamo togliere fuori da noi il Corpo Mentale e parlare con Lui, faccia a faccia, come con una persona estranea. Allora possiamo capire a fondo che la mente è un soggetto estraneo, che dobbiamo imparare a maneggiare con la frusta terribile della volontà.“La tana del desiderio è nella mente”.L’Intimo è il vero Uomo che vive incarnato in ogni corpo umano e che tutti abbiamo crocifisso nel nostro cuore. Quando l’uomo si risveglia dal suo sonno di ignoranza allora si consegna al suo Intimo. Questo si unisce con il Cristo e l’uomo diventa potente come l’Assoluto da cui emanò. L’Intimo è Dio nell’uomo. L’uomo che ignora questa grande verità è solamente un’ombra, un’ombra del suo Intimo. Il simbolo dell’Intimo è la stella a cinque punte, la piramide, la croce dai bracci uguali, lo scettro.

http://www.fuocosacro.com/pagine/cabala/sacab.pdf

Vota:
La pratica del sè osservante
L'Umanità verso l'Uno - Verso la “religione dell’u...

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi