Luce, Parola, Musica

L'origine del suono è luce. Tu sei luce, quella luce che rimane in ombra, ma che quando si rivela alla coscienza e al cuore, diventa totalizzante, piena, completa, appagante. Luce e parola camminano a braccetto l'una con l'altra. Luce e parola vanno insieme, hanno la stessa essenza. La prima luce che esplode nell'universo per farlo nascere contiene e richiama la luce che risplende come lampo abbagliante nella mente che raggiunge l'illuminazione o un barlume di conoscenza.

Essa è come un indescrivibile vibrazione, un suono magico in grado di dare forma al caotico, a ciò che non è ancora formato. Questa luce/parola che in-forma (dà significato, forma ed essenza alla realtà), essendo vibrazione, è anche suono e colore. In questo senso, è in grado di colorare il mondo col suo arcobaleno e farlo vivere.

Allo stesso modo, poichè la preghiera stessa è formata dalle parole e dai suoni delle parole, può essere considerata musica e canto. In quanto tale, oltre ad essere ringraziamento diventa potenzailmente creatrice essa stessa, poichè tende a ripercorrere i livelli vibrazionali dell'essere. E' questo il caso, per esempio, dei mantram, come l'om, che contribuisce a scuotere e liberare l'essere, a farlo vibrare in un rinnovato stato di salute.

IN CIELO, IN TERRA IN OGNI LUOGO

Fermati e ascolta. Osserva. Ogni cosa vive. Ogni cosa pulsa. Ogni cosa è animata, ha un cuore. Questa vita di ogni aspetto del creato esiste in una frequenza che è immanete alla natura , eppure invisibile, apparentemente separata. Ascolta il ritmo, i ritmi, della natura. Scorgi l'anima delle cose e degli esseri. Ci sono vite e pulsazioni lunghissime, diresti quasi eterne.

Come la pietra, il sasso che calpesti. Lo pensi forse morto? Ritieni davvero che solo perchè tutta la tua esistenza si svolge forse solo nel tempo della sua lentissima espirazione o inspirazione, ritieni dunque che esso non viva pari di te? Non senti il suo lungo respiro?E non avverti il tuo respiro dentro al suo? Ma soprattutto, non senti la memoria millenaria che lo pervade? E se ti dico che quella memoria ti appartiene? Se ti dico che anche tu, forse sei già sasso? Che le pietre sono anche dentro di te? Che il cielo ti appartiene e la terra e gli elementi tutti?Senti il potere purificante e dissetante dell'acqua. Scopri il tuo fuoco, comincia a percepire la sostanza degli elementi che vivono in te e intorno a te, in ogni direzione, sacralizzando così il tuo stesso corpo, delimitandolo e cerchiandolo come luogo sacro e altare. Fermati e ascolta. Osserva con gli occhi della tua anima. Ascolta il battito e il respiro del tuo petto.

Lì sta avvenendo qualcosa. C'è un evidente corrispondenza fra ciò che vive al di fuori dell'uomo e ciò che si verifica interiormente a lui. Non solo gli elementi della natura sono gli stessi che compogono l'uomo nella sua dimensione terrena, ma essi concorrono a disegnare all'esterno di lui un grande corpo da vivere come percorsi dell'anima, disegni imperscrutabili dello spirito e della volontà divina. In questo modo, non solo tutto diviene sacro poichè intriso della presenza divina, ma anche familiare, amico, in quanto specchio e riflesso dell'uomo e viceversa.Quando gli indios cantano" noi siamo le stelle" non solo fanno nascere le stele riportandole alla coscienza, ma congiungono magicamente il loro splendore alla luce di cui anche l'uomo è intriso.

Diventare stelle è un azione di elevazione dell'essere, significa ricondurlo all'interno di quel tutto che contiene la fusione armonica delle molteplici manifestazioni, ognuna con una funzione ed un compito specifico da assolvere. Lo stesso vale per l'acqua attinta direttamente dalla fonte viva del Signore o quella che ricrea l'anima e la ristora dolcemente come il miele, della preghiera dei primi cristiani. E lo stesso di nuovo vale per l'acqua solcata dalla zampa palmata del cigno della tradizione celtica o per quella immortale del Bhagavad-Gita, o per sorella acqua francescana, o ancora, per l'acqua benedetta insieme a tutto il creato della tradizione biblica, o anche per quella del Vangelo Esseno. Definire gli elementi e gli esseri del creato è sostanzialmente definire gli spazi sacri della vita, i luoghi in cui tutto avviene e tutto può succedere.

Sentirsi partecipi di questo luogo sacro, che si trovi in terra o in cielo significa non rimanere esclusi, non sperimentare la separazione e la disgregazione, non vivere l'alienazione e, per esteso, neppure la malattia da esse derivata. Significa perciò tornare o divenire partecipi del tutto e mettere in moto tutti gli elementi funzionali della vita stessa, in una celebrazione sacra delle forze umane, universali e divine.

(Da Le 100 Preghiere più potenti di Aur Kavalah)

Vota:
L' ECOSISTEMA - UOMO. Interrelazione dei SISTEMI e...
Un brano tratto da La vita reale di Gurdjieff

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi