AAA MAESTRO di TANTRA OFFRESI!

AAA MAESTRO DI TANTRA OFFRESI
di Tarisha C. Castaldo

*articolo pubblicato sulla rivista Osho Times Ott. 2010

Sono in ritardo, come sempre... ma da quando sono “tantrica” mi rilasso, respiro, e me la
prendo comoda... in fondo sto andando a trovare degli amici che mi aspettano per una
cena tantrica. Mentre esco di casa mi domando: quale sarà il menù? La mia ospite non ha
voluto dirmelo, e si è premurata di farmi notare che una brava tantrica non si proietta nel
futuro, rimane nel qui-e-ora, non si domanda cosa accadrà; e così si è limitata a darmi il
mio compito: portare un dolce.


Decido di andare in gelateria: dato che il Tantra è un approccio “morbido” e “sensuale”,
penso che dovrei puntare su qualcosa che stimoli i sensi. Ma il gelato non sarà troppo
freddo? E mi faccio la solita domanda: ma che significa “tantrico”???
Ormai vedo ovunque riferimenti al Tantra: ricevo inviti per cene tantriche, vedo pubblicità
sulle riviste per letti tantrici, la mia casella email è intasata da inviti per corsi di respiro-
tantrico, massaggio-tantrico, come-diventare-una-donna-tantrica... sembra che il mondo
sia diventato improvvisamente tutto tantrico e via via il significato di questa parola diventa
sempre più vago e indefinito.


Salgo sullʼautobus e la mia attenzione è catturata dalla pubblicità di una bevanda che si
chiama Tantra; sta per venirmi un attacco di nervi, ma mi ricordo di respirare, e in questo
momento ricevo una telefonata da una persona interessata al Tantra (da qualche anno mi
occupo dellʼorganizzazione dei corsi Tantralife in Italia) che mi domanda subito: “Radha ci
insegnerà a fare il sesso tantrico?”
Chiedo al mio interlocutore di richiamarmi in orari dʼufficio, lʼautobus non mi sembra un
ambiente adatto per dare questo tipo di informazioni... e raggiungo la casa della mia
amica, dove tutti stanno già prendendo un aperitivo comodamente allungati su un mega-
divano a otto posti, che loro definiscono “tantrico”.
Decido che è troppo, tutto questo Tantra è troppo anche per me!


Chiedo ai miei amici di NON nominare la parola Tantra per il resto della serata, trovando in
loro una serie di resistenze: è da due settimane che tutti si preparano per questa cena. Mi
guardo intorno e noto improvvisamente che lʼambiente è stato preparato con cura dalla
padrona di casa: ci sono candele, incensi profumati, musica di sottofondo, bellissime
tovaglie indiane su tavoli e tavolini... certo, è tutto molto bello, molto estetico, penso, ma
forse dovrei ricordare ai miei amici che candele e incensi NON fanno il Tantra...
Ci rinuncio visto che mi sembra impossibile dissuadere i miei amici dal farlo e opto per la
“meditazione tantrica dellʼaperitivo”, sorseggiando lentamente il mio drink e focalizzandomi
sulle sensazioni del gusto.


Quasi subito, però, vengo interrotta dallʼarrivo di una persona nuova. Mi presentano
questʼuomo, mi racconta che ha frequentato alcuni gruppi di terapia e di ricerca interiore e
un giorno è capitato in un gruppo di Tantra, dove ha capito che quella sarebbe stata la sua
strada. Ora stava pensando di completare la sua formazione col Tantra per poi lasciare il
suo lavoro fisso e dedicarsi allʼinsegnamento di questa disciplina, sentendo un forte
richiamo verso questo stile di vita, quasi avesse trovato la sua missione!  Appena viene a
sapere di cosa mi occupo, inizia a tempestarmi di domande sul Tantra, è molto interessato
a capire come si diventa Maestri di Tantra, qualʼè lʼiter da seguire, quanti anni di training e/
o corsi occorrono. Cerco di dirgli che nel Tantralife , la scuola di cui faccio parte, non
esistono corsi per diventare maestri, ma si tratta di un percorso di crescita personale,
finalizzato a conoscere meglio sè stessi attraverso un maggior  conoscenza della propria
energia, partendo da un contatto più diretto e vero con il proprio corpo, per poi
comprendere che esiste unʼessenza spirituale dentro di noi che si espande attraverso
questa consapevolezza. La mia insegnante Radha, gli spiego, ha vissuto con Osho per  
anni, lavorando, meditando e praticando i metodi di Osho su di sé, e si è ritrovata quasi
per caso ad insegnare il Tantra, non lʼaveva certo pianificato come si può fare con
qualsiasi altra carriera.


Il mio interlocutore non sembra molto convinto. Certo, mi dice di comprendere che il primo
passo è lavorare su di sé, ma non lʼha già fatto partecipando a quei gruppi ? A lui sembra
logico che un metodo tanto importante e trasformativo come il Tantra debba essere diffuso
il più possibile e lui si ritiene la persona più adatta a fare il Maestro.
Improvvisamente capisco tutto!
Eʼ vero, Osho ha detto che il Tantra è per tutti, e che in futuro sarebbe stato sempre più
accessibile e collegato ad ogni sfera della vita quotidiana.
Il Tantra è per tutti, non è per i pochi eletti. Eʼ diventato il cammino di pochi eletti perchè
non tutti lo capivano; ma non è per pochi eletti, è per tutti. Eʼ per chiunque sia pronto a
fare il salto.1


Se anticamente il Tantra era una scuola esoterica segreta e riservata a pochi eletti, che si
preparavano meditando e sottoponendosi a rituali di purificazione che duravano anni,
Osho eʼ convinto che oggi lʼumanità intera sia pronta per il Tantra.
Ma oggi il Tantra è diventato moda e questa parola che ormai  puoi persino trovare al
supermercato è entrata nel linguaggio comune e serve ad attirare,agganciare e incuriosire
oltre ad indicare vagamente tutto ciò che si riferisce a una sessualità libera.
Ma sono certa che Osho non intende certamente questo quando parla di diffondere il
Tantra.


Mi sembra proprio che ciò che oggi troviamo ovunque non sia lʼessenza del Tantra, il suo
significato profondo ma stiamo  applicando al Tantra i principi del sistema consumistico,
perdendo di vista il punto principale: lʼevoluzione SPIRITUALE dellʼessere umano.
Cerco di spiegare tutto questo al mio nuovo amico, ma lui mi fa notare che
improvvisamente sto assumendo un tono severo, e che mi prendo troppo sul serio, in
fondo il Tantra è non attaccamento, mi ricorda, è  leggerezza, lasciarsi andare….e vedi
che cʼè bisogno di Maestri ??
Mentre finisco il mio aperitivo, magicamente la mia attenzione viene attratta da un libro di
Osho sulla libreria: “Lʼesperienza Tantrica”.


Lo prendo, seguendo un istinto irrefrenabile, lo apro a caso e leggo ad alta voce la
risposta che, come sempre, arriva dal Maestro:
 “Non fidarti di piccole conoscenze. Non pensare di essere arrivato. Un piccolo sapere
talvolta soddisfa le persone quanto basta. Allora si fermano, smettono di muoversi. Eʼ un
grande viaggio, un viaggio senza fine. Più impari, più sarai in grado di imparare. Più
impari, più diventerai consapevole che cʼè ancora molto da imparare. Più conosci, più
intenso diventa il mistero. Più conosci, meno senti di conoscere. Con la conoscenza, si
aprono nuove porte. Con la conoscenza, nuovi misteri sono rivelati. Quindi non lasciarti
appagare da una piccola conoscenza. A meno che Dio si riveli a te, non accontentarti mai.
Lascia che esista un grande scontento spirituale. Solo le persone abbastanza fortunate da
possedere questo divino scontento in sé stesse - tale per cui nulla inferiore a Dio le
soddisferà- solo loro arrivano, nessun altro.2


1 Osho: Tantra, La Comprensione Suprema, Cap. 6.
2 Osho: The Tantra Vision, Vol. II.

Vota:
Tantralife: un moderno metodo Tantrico
Le Carte dei Nat

Related Posts

Commenti 2

 
Alessandra Inglese il Sabato, 11 Febbraio 2012 17:46

;) Il Tantra è una bellissima disciplina spirituale e individuale,che serve per connetterci al nostro corpo-mente-spirito.
Il Tantra comprende diverse tecniche per unificare questi tre corpi appena accennati.
In occidente hanno capito tutt'altra cosa,che serve per fare sesso o esperienze sessuali.
Questo è un altro discorso!
Il vero Tantra è l'unione e l'armonia del nostro corpo (Cuore),e mente(spirito)
Risvegliando la nostra consapevolezza assopita,risvegliando la nostra energia sessuale,la nostra vita avrà un sapore più delicato e raffinato,e alla fine di tutto questo percorso,anche la sessualità sarà più sublime!
Un saluto a Radha,io sono Varda,sei stata nel mio centro una decina di anni fà a casale monferrato(AL)NAMASTE'

;) Il Tantra è una bellissima disciplina spirituale e individuale,che serve per connetterci al nostro corpo-mente-spirito. Il Tantra comprende diverse tecniche per unificare questi tre corpi appena accennati. In occidente hanno capito tutt'altra cosa,che serve per fare sesso o esperienze sessuali. Questo è un altro discorso! Il vero Tantra è l'unione e l'armonia del nostro corpo (Cuore),e mente(spirito) Risvegliando la nostra consapevolezza assopita,risvegliando la nostra energia sessuale,la nostra vita avrà un sapore più delicato e raffinato,e alla fine di tutto questo percorso,anche la sessualità sarà più sublime! Un saluto a Radha,io sono Varda,sei stata nel mio centro una decina di anni fà a casale monferrato(AL)NAMASTE'
tantralife il Domenica, 19 Febbraio 2012 16:03

Grazie del commento Varda! :)
Radha ricambia i saluti.
Namastè ;)

Grazie del commento Varda! :) Radha ricambia i saluti. Namastè ;)

Accedi