Il "Senso dell'Io"

MAPPA-PNEI-DEL-SE-WEBpicco

Il senso dell'io nasce dalla mente, è un prodotto della società, e la società continua ad alimentare l'ego delle persone. Come il maestro spirituale Krishnamurti e il fisico Bohm hanno evidenziato, l'ego è un prodotto della divisione della mente. Le grandi divisioni sono quella tra l'uomo e la natura, tra l'uomo e gli altri esseri umani e tra l'essere umano e se stesso. La vecchia cultura ha alimentato per millenni queste divisioni creando razze, classi, stati e religioni in continua lotta tra loro, creando antagonismi e gerarchie tra gli esseri umani all'interno della stessa patria o religione, creando blocchi psicosomatici tra sesso e amore, tra sentimenti e doveri, tra corpo e anima. Quando sentiamo dire, o noi stessi diciamo: "io sono italiano" o "cristiano" o "di sinistra" o "di destra", dobbiamo renderci conto che siamo schiavi di una divisione. Da un'altra parte dell'Italia o del mondo qualcuno dirà e crederà di essere esattamente l'opposto. L'essere umano è libero e ogni condizionamento è un limite alla sua libertà.

Molti ritengono che oggigiorno ormai vige uno stato di libertà e democrazia: non è vero. Possiamo dire che il condizionamento dittatoriale dello stato e della religione è meno pesante ma siamo ancora lontani dalla libertà. Un esempio: la pressoché totalità dei bambini che nascevano nella Germania nazista erano nazisti, quelli che nascevano in Russia erano comunisti, quelli che ancora oggi nascono in Israele credono di essere ebrei, se nascono in un paese mussulmano diventano regolarmente mussulmani, mentre se nascono in Europa sono cristiani; ma dov'è allora la libertà di religione? Questo evidenzia come, sia sul piano politico che religioso, esistano ancora delle gravissime forme di mancanza di rispetto per i più elementari diritti umani.

Decondizionare la mente

Il processo di decondizionamento avviene attraverso la consapevolezza dei condizionamenti attuali e, soprattutto, grazie allo sviluppo di un centro di coscienza superiore all'"io della mente", che coincide con l'esperienza dell'essere e lo sviluppo del Sé. Esistono ormai numerose possibilità di alimentare il corpo mentale in modo estremamente positivo, attraverso libri, musiche di ogni genere, film, conferenze, incontri di livello culturale superiore e orientato ad una vera libertà e umanità. Libri, film, musiche, dipinti possono veicolare al nostro animo sentimenti superiori e alimentare il nostro senso di bellezza, di saggezza, di bontà, d'amore, di verità, di giustizia. A livello più umano e concreto, decondizionare la propria mente significa innanzitutto cambiare i propri comportamenti nel momento in cui vediamo che sono portatori di malessere o di divisione. Tutti i modi di relazionarci con gli altri, gli amici, i partner possono essere profondamente modificati in senso armonico, e nel pieno rispetto per la propria identità e libertà. Abbandonate il più presto possibile tutte le situazioni di famiglia, relazione, amicizia e lavoro che non vi fanno sentire liberi e a vostro agio.

La via che ha un cuore: dall'ego al Sé

L'ego è una falsa identità, vivere per l'ego significa perdere una vita per seguire doveri e schemi che non sentiamo nostri. Il Sé è la nostra vera natura, è semplice, profonda e immediata. L'ego si impara inibendo le naturali energie umane, sessuali, emotive, psichiche e spirituali, e sostituendovi comandi e comandamenti basati sull'"inibizione dell'azione" e sul timore di Dio e dell'autorità. Il Sé è frutto di un senso di amore impersonale per se stessi, per gli altri e per la vita stessa. Il Sé porta un sorriso autentico che viene dal cuore: il quarto centro. Don Juan diceva a Carlos Castaneda che l'uomo di conoscenza è colui che diventa consapevole della mancanza di senso della vita e che quindi decide di seguire la via che ha un cuore. Passare da un comportamento controllato ad uno fluido e spontaneo è uno dei sistemi più sicuri di decondizionarci. Nel processo di trasformazione dobbiamo ascoltare le donne e le energie femminili che sono portatrici di qualità più sensibili, intuitive e sottili, e da millenni sono state condizionate a comportarsi secondo codici patriarcali. Non è facile trovare vere Donne ma comunque è molto più facile che trovare Uomini autentici. Statistiche americane indicano che la presenza femminile nei gruppi orientati all'ecologia e alla trasformazione è maggiore di un quinto rispetto a quella degli uomini.

Ascoltate la vostra anima femminile, la vostra sensibilità, i vostri sentimenti autentici e lasciate che siano essi a dirigervi nel caos della vita attuale.

Vota:
FRANCO PISTONI, Il carisma dell'attore
"Naturopatia": perché curare è Arte

Related Posts

Commenti

 
Ancora nessun commento

Accedi