E' ufficiale: Lo Stato non rimborserà più i danni da calamità naturali

calamitàPochi giorni fa il governo nell'ambito della Legge n.59 sulla riforma della Protezione Civile, NEL CLASSICO SILENZIO ASSOLUTO DEI MASS MEDIA E DEI PARTITI DI OPPOSIZIONE, ha eliminato la facoltà di far rivalsa sullo stato in caso di calamità naturali: in caso di terremoti, alluvioni o qualsiasi altra catastrofe, i cittadini non potranno esigere dallo stato nessun risarcimento: devono vedersela da soli. Il consiglio dei governanti è quello di "stipulare una polizza di assicurazione", peccato che oltre il 75% delle famiglie non abbiano le possibilità economiche per farlo. Per la fortuna dei "neo terremotati", nonostante la legge in questione sia già pubblicata sulla "Gazzetta Ufficiale" deve ancora entrare in vigore: in ogni caso, in futuro per i cittadini le calamità saranno una vera e propria mattanza sociale, più di quanto non lo siano già oggi che lo Stato deve/dovrebbe restituire una casa a tutti coloro che la perdono. La notizia è passata in sordina, ed è bene che i cittadini lo sappiano: un ulteriore elemento utile per giudicare l'operato non solo del governo Monti, spalleggiato e difeso dal "grande centro" Casini-Rutelli-Fini, dalla premiata ditta Bersani, e dai Berlusca boys: ma anche di quei partiti che dovrebbero - stando a quanto sostengono loro - collocarsi all'opposizione: Lega Nord e IDV. Mentre il partito di Vendola, i Verdi e altri partiti che non sono rappresentati in parlamento, approfittano di questo per evitare di prendere posizione: ma che rinuncino a fare opposizione e a segnalare ai cittadini le leggi schifose di questo governo E' FIN TROPPO EVIDENTE... l'unica opposizione vera, in Italia, siamo noi blogger LIBERI

Staff nocensura.com

- - - - - -

di seguito l'articolo di Giovanna Cavalli per il Corriere della Sera

Una calamità distrugge la casa? Da oggi lo Stato non paga i danni

ROMA — La calamità naturale sarà a carico del cittadino. In caso di terremoto, alluvione, tsunami e qualsivoglia altra catastrofe, non sarà più lo Stato a pagare i danni. A ricostruire l'edificio crollato o pieno di crepe, casa o azienda che sia, dovrà provvedere il proprietario. A sue spese. O stipulando, previdente, una relativa polizza di assicurazione.

La novità, enunciata chiaramente, si trova nel decreto legge n.59 sulla riforma della Protezione Civile pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale. In cui si afferma che «al fine di consentire l'avvio di un regime assicurativo per la copertura dei rischi derivanti da calamità naturali sui fabbricati a qualunque uso destinati, possono essere estese tutte le polizze assicurative contro qualsiasi tipo di fabbricato appartenente a privati». E questo per poter «garantire adeguati, tempestivi ed uniformi livelli di soddisfacimento delle esigenze di riparazione e ricostruzione». Cosa che lo Stato non può più permettersi per cronica carenza di fondi.

La normativa non ha effetto immediato: il decreto legge prevede infatti «un regime transitorio anche a fini sperimentali». Entro 90 giorni dovrà essere emanato un regolamento che stabilisca modalità a termini per l'avvio del regime assicurativo. Ed è poi probabile che i tempi si allunghino. O che si trovino dei correttivi. Ma la tendenza è quella.

Confermata dalle parole di Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile: «Quella sull'Aquila è stata l'ultima azione di intervento sulla popolazione» ha detto ieri ai Giovani imprenditori di Confindustria. «Purtroppo per il futuro dovremo pensare alle assicurazioni perché lo Stato non è più in grado di fare investimenti sulle calamità: gli aquilani sono stati gli ultimi a ricevere assistenza». Su questa linea procede anche la norma che riduce la durata dello stato di emergenza, ossia del periodo in cui lo Stato si accolla le spese: 60 giorni, con un'unica proroga di altri 40. Fine delle emergenze pluriennali.

Per adesso l'assicurazione sarà soltanto di tipo volontario (con agevolazioni fiscali). E già questo principio potrebbe porre dei problemi giuridici in quanto sancisce la disparità tra cittadini che vivono in zone a rischio e quelli che hanno la fortuna di abitare in aree sismiche o soggette a pericoli idrogeologici. Senza contare che le compagnie di assicurazioni, nel primo caso, pretenderebbero premi molto costosi. La soluzione potrebbe essere rendere l'assicurazione obbligatoria per tutti. Con un costo calcolato in circa 100 euro per abitazione.

Secondo Adolfo Bertani, presidente del Cineas (Consorzio universitario specializzato nella cultura del rischio), questa «è una svolta epocale perché si introduce anche in Italia la responsabilità diretta del cittadino nella tutela dei propri beni e di una nuova cultura di rispetto del territorio. Si passa da welfare state alla welfare community».

Fonte: http://www.nocensura.com/2012/05/e-ufficiale-lo-stato-non-rimborsera-piu.html

 

Vota:
Appunti Dell'Estate Indiana
Vivere in cinque con 5€ al giorno. La ricetta di S...

Related Posts

Commenti 1

 
Walter Comunello il Domenica, 20 Maggio 2012 10:46

Riflettendo con la mente "mondana" è un'ingiustizia. Riflettendo con la mente "sottile" è una fortuna. La morte, la marcescenza, la decomposizione, tutti aspetti della vita che si tende a non voler vedere, a lasciare "da parte", a dimenticare, a tralasciare, a temere, è un processo naturale, frutto della crescita, dell'apice, della decadenza precedenti. Essa deve esistere affinché esista crescita. Ora ci sarà un periodo di dolore e sofferenza e ansia e frustrazione e ingiustizia. Ma non solo per lo Stato o per quello che fa o non fa per noi. Per tutto il cosmo, e per tutti noi, per come ci comportiamo noi nei confronti degli altri e per come si comportano gli altri nei nostri confronti. Sei stata tu, mi pare, a pubblicare l'articolo sul cambiamento.

Il come affronteremo questo periodo dipenderà da noi. Il cambiamento, la rinascita, sono visti come periodi favorevoli. Eppure, se ne accettiamo la gioia, dobbiamo accettarne anche il dolore: dobbiamo accettare la sporcizia, il male, la malattia, il cancro, la decomposizione, il fetore, la cattiveria, l'ingordigia, l'avarizia, lo smarrimento, la crudeltà, che inevitabilmente procedono i periodi di benessere nelle ere del Mondo. È l'equilibrio dell'esistenza dell'Uno.

Gioia e dolore sono entrambe facce del cambiamento. L'unica differenza, secondo me, è data dalla volontà del singolo. L'essere Uomo, creativo, è potenzialmente manifestazione vivente della propria volontà. Un uomo senza volontà non è parte dell'Uno in quanto essere separato, ma dipendente da ciò che ha intorno, anche per quanto riguarda opinioni, sentimenti, emozioni, stati d'animo. Possiamo tutti pensare e sentire per conto nostro.

Riflettendo con la mente "mondana" è un'ingiustizia. Riflettendo con la mente "sottile" è una fortuna. La morte, la marcescenza, la decomposizione, tutti aspetti della vita che si tende a non voler vedere, a lasciare "da parte", a dimenticare, a tralasciare, a temere, è un processo naturale, frutto della crescita, dell'apice, della decadenza precedenti. Essa deve esistere affinché esista crescita. Ora ci sarà un periodo di dolore e sofferenza e ansia e frustrazione e ingiustizia. Ma non solo per lo Stato o per quello che fa o non fa per noi. Per tutto il cosmo, e per tutti noi, per come ci comportiamo noi nei confronti degli altri e per come si comportano gli altri nei nostri confronti. Sei stata tu, mi pare, a pubblicare l'articolo sul cambiamento. Il come affronteremo questo periodo dipenderà da noi. Il cambiamento, la rinascita, sono visti come periodi favorevoli. Eppure, se ne accettiamo la gioia, dobbiamo accettarne anche il dolore: dobbiamo accettare la sporcizia, il male, la malattia, il cancro, la decomposizione, il fetore, la cattiveria, l'ingordigia, l'avarizia, lo smarrimento, la crudeltà, che inevitabilmente procedono i periodi di benessere nelle ere del Mondo. È l'equilibrio dell'esistenza dell'Uno. Gioia e dolore sono entrambe facce del cambiamento. L'unica differenza, secondo me, è data dalla volontà del singolo. L'essere Uomo, creativo, è potenzialmente manifestazione vivente della propria volontà. Un uomo senza volontà non è parte dell'Uno in quanto essere separato, ma dipendente da ciò che ha intorno, anche per quanto riguarda opinioni, sentimenti, emozioni, stati d'animo. Possiamo tutti pensare e sentire per conto nostro.

Accedi