Tra realtà e fantasia: “Le città invisibili” di Italo Calvino

Romanzo assolutamente atipico di un genio letterario contemporaneo, Le città invisibili viene pubblicato nel novembre del 1972. È un'opera sui generis, all'incrocio di un racconto filosofico e fantastico-allegorico. E non è un caso l'anno di uscita. Il libro nasce durante la prima parte (1964-1970) del lungo soggiorno parigino di Italo Calvino, che in quegli anni assorbe le turbolenze del clima culturale francese, e in particolare di quegli scri...
Vota:
Recente commento in questo post
Ospite — Galleria
Buongiorno volevo segnalare che l'immagine utilizzata per l'articolo è Fillide olio su tela 60x90 dell'artista Cristina Madini
Lunedì, 03 Marzo 2014 2:02 PM
Continua a leggere
18313 Hits
1 Commento

Elogio della sobrietà volontaria

Semplice è Bello Già nel 1997, negli Stati Uniti, una ricerca svolta da un periodico scoprì che un cittadino su 12 aveva nel corso dell'anno deliberatamente attuato un cambiamento nel proprio stile di vita cercando di semplificarlo. Le scelte andavano dalla richiesta di una riduzione delle ore di lavoro a quella di contratti part-time oppure al rifiuto di eventuali promozioni professionali, il tutto al fine di ridurre lo stress e aumentare il te...
Vota:
Continua a leggere
1963 Hits
0 Commenti

Progresso e falsi bisogni

Da quando Cartesio, nel XVII secolo, divise il mondo in pensiero e materia, siamo stati educati a pensare che le uniche cose inconfutabili della nostra esistenza sono quelle che possono essere comprese o toccate. Poniamo al centro della nostra vita la semplice materia e releghiamo a piccoli spazi personali tutto quello che non rientra nello schema razionale della società moderna. E' proprio partendo da questo che non è difficile capire come l'ess...
Vota:
Continua a leggere
2039 Hits
0 Commenti

Riflessioni di due Pubblicitari

Le aziende hanno imparato a dettare le regole uccidendo la fantasia: io pago, io ho ragione. Oltre ad essere un lavoro che è stato distrutto negli anni, ti regala spesso un senso di colpa se pensi che ti sei impegnato a riempire la testa della gente di cazzate, a convincere le persone di cose non vere, a creare nelle loro vite dei falsi bisogni. Appena abbiamo iniziato a lavorare insieme siamo finiti a fare un weekend di lavoro. Eravamo andati...
Vota:
Continua a leggere
1819 Hits
0 Commenti

Il Super Io del consumatore incallito

Cosa hanno in comune stipendi e bonus milionari di banchieri e industriali in tempi di crisi, movida cittadina e libertinaggi del sabato sera, e volgarita' di politici e vip di varia estrazione?Secondo alcuni, tutti questi comportamenti denuncerebbero la generale mancanza di "senso del dovere", vale a dire quella funzione di autocontrollo psicologico che la psicoanalisi ha da tempo chiamato Super Io. E' diffusa anzi l'impressione che nella postmo...
Vota:
Continua a leggere
1814 Hits
0 Commenti

L'Uomo Spot

Guardare la TV, ascoltare la radio, passeggiare per le strade, leggere un quotidiano o una rivista, navigare in internet. C'è un elemento ridondante che si presenta in ognuna di queste attività ed è la presenza delle pubblicità. Ormai siamo così saturi ed abituati alla presenza di cartelloni, spot o annunci pubblicitari che quasi sembriamo non farci caso e non ci rendiamo bene conto degli effetti che essi hanno sul nostro cervello. Capita spesso...
Vota:
Continua a leggere
1861 Hits
0 Commenti

Occidente e Consumismo

"Dalle mie esperienze imparaia considerare la vita come una cosa seria,come un problema da risolvere"B. Croce Gli occidentali conducono in genere una vita meccanica, priva di anima, intelligenza, profondità e amore. Benchè in ragione della sua prosperità materiale l'individuo contemporaneo abbia potuto superare la maggior parte delle difficoltà di un tempo, nonchè muovere passi importanti verso il conseguimento del suo benessere materiale, lo s...
Vota:
Continua a leggere
2087 Hits
0 Commenti

L'inganno dei sensi. Piccoli e grandi trucchi per ingannare il consumatore ingenuo e inconsapevole.

                            Madre natura ha dotato l'uomo, al pari della maggior parte degli animali, di cinque sensi (vista, udito, olfatto, tatto e gusto) con i quali scandagliare l'ambiente esterno alla ricerca di possibili pericoli e minacce per la sopravvivenza. In più rispetto agli animali, gli ha dato la capacità di ragionare sul bene e sul male. Grazie a questa, è possibile spesso riconoscere i limiti dei sensi e prendere un...
Vota:
Continua a leggere
2037 Hits
0 Commenti

Accedi