Al tempo dell'equinozio il giorno e la notte hanno la stessa durata. Questo giorno segna l'inizio della primavera, l'aumento della luce e il ritorno alla vita da parte della terra gelata.Naturalmente, si tratta solo di una rappresentazione di un momento nel tempo, in quanto il tempo non conosce interruzioni e la natura segue il proprio corso come una semplice appendice del  progredire delle stagioni.Non importa, per noi è vitale questo momento: ci ricorda che al gelo segue sempre il disgelo, che alla tristezza segue sempre la serenità, al dolore la gioia. Celebriamolo, dunque, per non dimenticarlo mai. Usciamo e godiamoci la giornata, gioiamo dell'arrivo della primavera, rallegriamoci della terra che si riscalda. Impariamo ad essere parte integrante della natura e a sintonizzarci con il suo respiro e la sua armonia. La vita è già abbastanza ricca di sofferenza a ricordarci la sua caducità. Immergiamoci nella bellezza e lasciamo che ammutolisca la mente che vorrebbe protestare. Dedichiamo questo giorno al nostro cuore e alla rinascita.

http://www.ilcoraggiodiascoltarsi.blogspot.it
Pubblicato da Donatella in Crescita Personale il 21 Mar 2014 | Modificato: 21 Mar 2014
tipologia: articolo mostra tutti i contenuti di tipo articolo, visite: 633, commenti: 0, preferiti: 0, lo seguono: 1
0% di 0 voti

Accedi