Mi rinnovo continuamente. Mentre mi consumo, do calore a ciascun filo d’erba, a ciascun animale, a ciascun essere vivente senza esclusioni: accetto che ciò venga chiamato Amore. Sparisco e ritorno ciclicamente. Inoltre, per entrare nel mio splendore, mi aspetto dagli esseri umani che possano seppellire il loro passato e ricominciare una nuova vita. Li aiuterò a farlo. Là dove io splendo dissolvo il dubbio, entro negli angoli più oscuri dell’anima e li inondo di luce. Spinti dal mio alito, attraverserete il fiume delle pulsioni dementi e, purificati, giungerete al luogo dove tutto cresce senza fatica. Risplendo nel cuore della materia, sono il suo fulgore segreto, non è niente senza di me. Ma quando mi resiste, quando non mi percepisce come la sua forza vitale, è un cadavere. Continuo a impregnarla di gocce d'immortalità. Per voi, figli miei, genero senza fine la gioia e l’euforia vitale. Non siate impermeabili alla mia luce eterna. Guardate quanto è basso il muro che vi separa da me.
Alejandro Jodorowsky
Testo tratto dal libro La Via dei Tarocchi di Alejandro Jodorowsky e Marianne Costa

Pubblicato da nican in Spiritualità il 07 Gen 2014
visite: 1221, commenti: 5, preferiti: 0, lo seguono: 3
97% di 1 voti