I QUATTRO FATTORI DEL SUCCESSO

Ci sono quattro fattori che sono essenziali per il successo di un individuo.
Per prima cosa avete bisogno di una visione chiara.
Una vita senza visione è come un viaggio senza destinazione.
Ognuno di voi ha un'opzione: o vagare come una foglia secca portata quà e là dai venti,
o volare come una freccia verso il suo obiettivo, e l'universo vi aiuterà a raggiungere ciò che volete.

L'universo è come la lampada magica di Aladino. Vi darà quello che cercate.

In secondo luogo, avete bisogno di avere una mente focalizzata, una mente che è capace di attenzione
che è capace di pensare per bene.
Terzo, dovreste avere un'eccellente relazione con la famiglia.

Una civiltà forte è costruita sulla fondamenta della famiglia.

In un mondo di cambiamento accellerato occorre una reale relazione d'amore tra figli e genitori
per rimanere sani.
Se la relazione con i genitori funziona bene tutti i problemi con la scuola o la carriera verrebbero risolti miracolosamente.

In sostanza, avete bisogno di vivere in uno stato libero dal conflitto,
uno stato di esistenza dove percepite connessione e amore.

 

COME DOVREI RELAZIONARMI AL DIVINO?

Per iniziare dovete dare al divino uno stampo di tipo umano, ad esempio padre, madre, fratello, sorella, amico o ciò che vi piace di più.

Quindi dovete creare una relazione di tipo umano. Supponiamo che gli avete dato una forma di padre.
Dovete allora relazionarvi al divino come vi rapportereste a vostro padre.

Supponiamo che abbiate dato al divino una forma di madre. Allora dovete relazionarvi al divino come vi relazionereste a vostra madre.
La relazione che avete con vostra madre o vostro padre è il modo migliore che avete di relazionarvi.

E' molto importante che voi modellate il divino nella forma della migliore relazione che avete.

Supponiamo che la relazione con vostra madre sia molto buona, allora la miglior cosa da fare è modellare la relazione in forma di madre.
Supponiamo che la relazione con vostro marito sia ottima. Meglio modellare il divino in forma di marito.
Supponiamo che avete una buonissima relazione con il vostro amico allora modellerete la relazione col divino in forma di amico.

Poi iniziate a relazionarvi al divino come iniziereste a relazionarvi con loro.
Iniziate con una conversazione, poi potete chiedere le vostre domande, potete chiedere aiuto.

Inialmente, potreste ricevere le risposte in forma di pensiero o intuizione.
Ma crescendo diventerà una vera comunicazione.

Allora come potete essere sicuri che è proprio il divino che vi sta parlando?
Dovete chiedere che risolva problemi, uscire dalle difficoltà e dovete chiedere benedizioni.
Se succede allora potete essere sicuri che siete in contatto con il divino e nel caso che il divino non risponda alle vostre preghiere,
allora dovreste chiedere una spiegazione del perchè non c'è risposta.

Se siete davvero in contatto col divino, il divino potrebbe mostrarvi perchè le vostre preghiere non vengono risposte.
Questo è il modo, lentamente dovete costruire il vostro legame con il vostro divino.

DEFINIZIONE DI MUKTHI

Mukthi può essere definita in vari modi.
La definizione generale che dò a Mukthi è liberazione dei sensi.
Adesso, quando guardate, non vedete senza l'interferenza della mente.
Se riuscite a vedere senza che la mente interferisca, questo è Mukthi.
Se potete ascoltare senza l'interferenza della mente, questo è Mukthi.
Lo stesso si applica all'odore, il tatto e anche il pensare.
Anche il pensiero può venire osservato senza coinvolgimento con il pensiero stesso.

Adesso ciò che succede è che quando state pensando,
pensate di stare pensando.
Ma è veramente possibile vedere il fluire dei pensieri come se fosse indipendente da voi.
Si tratta di una realtà fisica. Davvero si possono vedere i pensieri.
Ogni tipo di pensiero potrebbe venire da voi e uscire fuori da voi mentre lo guardate.

Quindi questo è lo stato di mukthi. E' la completa liberazione dei sensi dal controllo della mente.

E' solo questo tipo di essere che vive davvero.
Ogni volta che la mente controlla, non state vivendo.
Quando la mente non c'è più, allora state davvero vivendo.

Ecco perchè quando le persone mi chiedono "Qual'è lo scopo della vita?"
la mia risposta è "Se tu stessi vivendo non faresti questa domanda."
Lo scopo della vita è vivere.
Cosa significa?
Vivere la vita dei sensi.
I sensi devono essere indipendenti e liberi dalla mente.

Adesso quello che succede è che voi non state per niente facendo esperienza della realtà.
La relatà per voi è ciò che fluisce attraverso i sensi.
Tutto il tempo interpretate qualunque elemento incontrato.
Guardate un albero e dite che è un grande albero, un piccolo albero, un albero verde, un albero di mango, e questo e quello.
Tutto il tempo ci sono questi continui commenti.

Quando vi sedete e mangiate del cibo, non state mangiando.
Iniziate a preoccuparvi dell'ufficio o della famiglia,
o avete commenti sul cibo stesso.
Non viene fatta veramente esperienza del cibo.

Ecco perchè ho detto nei mahavakyas (grandi detti)
che se fate esperienza della realtà per quello che è, allora sperimenterete proprio la beatitudine.
Riuscirete a vedere che questa grande creazione è perfetta.
Che è una cosa bellissima e che siete già in cielo.
Voi l'avevate reso un inferno.

E' possibile liberare i sensi dalle grinfie del pensiero.
In questo modo, il pensiero è necessario quando serve, altrimenti non dovrebbe interferire.
Non c'è bisogno che interferisca. E' vera esperienza.

Quando i sensi diventano liberi dal controllo del pensiero o della mente, allora diciamo che avete scoperto gioia incondizionata, amore incondizionato.
E' così potente questa gioia che vi sentite connessi con tutti.
Quindi scoprite il vero amore. Questo vero amore e questa vera gioia non sono cose separate.
Sono uno e si tratta di una manifestazione naturale.
Questo è come siete stati progettati ad essere.
Questo è ciò che l'essere umano dovrebbe sperimentare tutto il tempo.

Dal momento che non fate reale esperienza delle cose, le vostre vite sono diventate tristi e per sfuggire a questa infelicità
avete creato varie forme di evasione, tutto perchè non state facendo esperienza della realtà.
Questo è il motivo per cui le persone usano alcohol o droghe, o sesso o altro,
perchè altrimenti questa tristezza è presente nelle loro vite.
Tutto diventa privo di senso.

Quindi l'intero tentativo di questo movimento (n.d.t movimento Oneness) è aiutare a fare esperienza della realtà per quello che è.
Quando questo accade scoprirete amore e gioia incondizionati.
Vi sentirete connessi con tutti e con tutto.
Adesso vi sentite individui separati. Ma poi non vivrete più solo per voi stessi, perchè voi stessi diventate tutti.
Vivrete per il bene dell'umanità.

Questo non è un concetto o una cosa immaginaria.
Questo è realtà quotidiana quando diventate illuminati, o quando diventate muktha ( esseri risvegliati o liberati)
e migliaia di persone sono già entrati in questo stato.
Anche in questo momento ci sono alcune persone sedute qui che sono in questo stato.

AMARE SE STESSI

Quando diciamo ama te stesso, dovete capire che ognuno di voi ha anche ciò che potremmo chiamare sè negativo.
C'è un lato negativo in ognuno di voi, che gli psicologi occidentali chiamano il "sè ombra".
Noi lo chiameremo lato negativo, perchè c'è una leggera differenza nel termine e nel contenuto.
Per esempio, avete mai detto bugie?
Così tante bugie, bugie comuni per ogni essere umano.
Ma vi piacerebbe accettare che siete bugiardi? No.

E a volte si tratta di bugie pianificate, per sopravvivenza. Non vi sto accusando.
Vi sto solo dicendo ciò che accade.
Vi piacerebbe vedere questo? Non vi piace vederlo.
Vi piacerebbe questo aspetto di voi stessi?
No, non vi piace.
E magari dite oh ti amo così tanto. Ti auguro ogni benedizione; e dentro siete pieni di odio.
Quindi dentro c'è tanta paura, ma l'apparenza è molto coraggiosa.
Parlate in modo coraggioso, ma c'è solo paura dentro.
Quindi per ogni immagine che date, c'è una controparte negativa.

Nulla può esistere senza controparte negativa.
Avete gelosia rabbia, odio, violenza e lussuria.
Li proiettate sull'uomo più pacifico del mondo, mentre cospirate per la sua morte e segretamente sperate che un camion lo schiacci.
Ma invece dite, ti auguro buona fortuna.
Questo lato negativo, sta sotto il tappeto e si nasconde lì, è inconscio.
Puzza. Da lì crea ogni tipo di problema per voi.
Quando diciamo ama te stesso, stiamo dicendo ama "quello".
Ama quello??? No, è una cosa terribile. Lo odiate.
Lo odiate, ne avete paura, non vi piace, fate finta che non esista.
E' come essere sposato con una donna che sta da qualche parte, e dire, non la conosco, non è mia moglie.

Analogamente è tutto qui, quel lato è vostro.
Nessun essere umano può stare in questo pianeta senza lato negativo. Non è possibile.
Quindi chi sono questi grandi personaggi? I Mahatma Gandhi, e diciamo i Ramana, I Buddha.
Qual'è il loro viaggio fondamentale?
Loro sanno che questo lato negativo è presente, lo accettano e lo amano.
Mentre voi non lo vedete, non lo accettate e non lo amate.
Scappate via tutte le volte e fate finta che non esista.

Quindi nel viaggio della spiritualità la cosa primaria e fondamentale è scavare fuori tutte queste cose.
Togliere il tappeto e tirare fuori. Questo è tutto.
Siete persone indifese e senza potere. Nessuno ha alcun potere su niente.
Immaginiamo solo di averlo, ma esso è lì. Vi sta dominando. Vi sta distruggendo.
Dovete scavare e venirci a patti. Non possiamo fare nient'altro perchè la contaminazione è presente.
L'aria è contaminata, la coscienza è contaminata. E' qui.
State solo facendo finta che tutto questo non ci sia.

Il viaggio della spiritualità è il vostro primo si, io sono questo e confronto.
E allora vedete un miracolo. Il miracolo è che scoprite cosa c'è.
Ecco ciò che intendiamo quando diciamo ama te stesso.
Tutta questa sporcizia, tutto questo fango, che a nessuno piace -
se non ti piace, se ne hai addirittura paura, come potrai mai amarlo?
Eppure è possibile amarlo e dire si.
E' lì, cosa puoi farci?
Non puoi farci niente.
Ecco cosa intendiamo quando diciamo amate voi stessi.

 

tradotto da Yoni

 

http://www.orkohav.com/targumim/10.06.11eng.pdf

Pubblicato da yoni in Spiritualità il 20 Mag 2014 | Modificato: 20 Mag 2014
tipologia: articolo mostra tutti i contenuti di tipo articolo, visite: 791, commenti: 0, preferiti: 0, lo seguono: 1
94% di 1 voti

Accedi