Molte persone vivono una condizione sgradevole senza conoscerne il vero motivo. Potrebbero provare ansia, paure o altre emozioni negative senza trovare un perché.
Dalla mia esperienza il più delle volte questa condizione si è determinata subito dopo la nascita.
Ossia il/la bambino/a appena nato/a è stato lasciato/a solo/a poiché i medici presenti si stavano occupando della madre.
Gli strilli non erano sufficienti per farsi prendere in braccio, coccolare e far sentire l'amore per esso/a.
Poi, finalmente qualcuno si è interessato del/della neonato/a.
Troppo tardi!
In lui/lei si era già instaurato il senso di abbandono che si porterà per tutta la vita, senza sapere, appunto, il perché.
Il fatto sconcertante è determinato dalla condizione che poi viene a crearsi. Ossia inconsapevolmente creerà le condizioni di essere abbandonato/a da amici, parenti, ed amori. 
Ed ecco nascere quel senso di ansia, se non di angoscia per sentirsi sempre solo/a e/o abbandonato/a.
Di fatto la sua causatività lo/a porterà a vivere quelle esperienze per nulla gradevoli.
Come fare per evitare anni di psicoanalisi?
Occorrerebbe ripercorrere la nascita e più di una volta, per annullare quel vissuto e quindi vivere felici.
Questo è possibile sia facendosi pilotare in quel momento da un esperto oppure...seguire il seminario “Il Rubino 1” mediante il quale è possibile ritornare consapevolmente alla nascita e correggere tutti i pensieri che hanno successivamente causato o partecipato a causare una vita non proprio felice.
Quanto scritto non vuole essere “pubblicità al mio seminario, ma veramente solo una indicazione, che se però seguita offrirà alla persone ben più di quanto è relativo al momento della nascita.
Di fatto con il “Rubino 1” ci è possibile eseguire interventi su diversi piani dell'esistenza senza spendere nemmeno un euro dallo psicologo o dallo psicoanalista. (non me ne vogliano questi professionisti). D'altronde alcuni di loro hanno frequentato e con gratitudine, il mio seminario. 
La sensazione di abbandono potrebbe invalidare, come dicevo prima, diversi aspetti della vita, compreso il lavoro, la famiglia, la vita sociale, ecc.
Perché accettare così passivamente questi disagi, quando è possibile in un paio di giorni apprendere le tecniche necessarie per farli “sparire” in meno di due minuti?
Noi siamo “fatti” di energia e il “Rubino 1” lavora con l'energia.
Non è un “placebo.
Ma a proposito di questo voglio raccontarvi un fatto che ho letto su un libro scritto da un medico.
Una donna era stata sottoposta a radioterapia per un tumore. Al termine delle sedute eseguito un controllo il tumore era finalmente sparito.
Solo dopo i medici si accorsero che la macchina non funzionava, ma la donna era guarita lo stesso. La spiegazione, che si sono dati, pare ovvia, loro non sapevano che la macchina non funzionasse, la paziente nemmeno, però credeva funzionasse e quindi ecco la guarigione. Ossia la mente della paziente aveva eseguito il suo compito. 
Credo non sia necessario spiegare quanto le malattie possano essere guarite se riusciamo a far funzionare la mente con tutto il suo potenziale.
Con “Il Rubino 1” interveniamo direttamente sull'energia di cui siamo composti e pertanto ecco che alcuni fatti appaiono “miracolosi”.
Ma il Padreterno non ha fatto nulla, anzi ha già fatto tutto, fornendo all'essere umano tutti gli strumenti per una vita sana e felice.
Se chi sta leggendo sentisse di provare quel senso di abbandono...ora almeno sa che potrebbe disintegrarlo!
Un abbraccio a tutti.Paolo Oddenino Paris


Pubblicato da Simona in Crescita Personale il 30 Giu 2014 | Modificato: 30 Giu 2014
tipologia: articolo mostra tutti i contenuti di tipo articolo, visite: 751, commenti: 0, preferiti: 0, lo seguono: 1
96% di 1 voti

Accedi